LACRIME DI COCCODRILLO SULLE DONNE AFGHANE

di Gilbert Achcar

I falchi citano la liberazione delle donne tra gli argomenti a favore dell’occupazione dell’Afghanistan. Si tratta di un’ipocrisia evidente: gli Stati uniti hanno sempre subordinato i diritti delle donne alle strategie geopolitiche e alla difesa dei loro alleati

L’intera classe politica degli Stati uniti sta versando calde lacrime per il destino delle donne afghane sotto il rinnovato dominio dei talebani. Queste lacrime sono in linea con il discorso degli ultimi vent’anni sul desiderio di liberare le donne afgane dal giogo dei talebani come motivazione chiave dell’invasione dell’Afghanistan guidata dagli Stati uniti, seconda solo all’obiettivo immediato di estirpare al-Qaeda in risposta a gli attacchi dell’11 settembre.

Questa narrazione è davvero molto ipocrita. La falsità è particolarmente evidente alla luce della Guerra fredda, quando gli Stati uniti sostennero i fondamentalisti patriarcali contro un partito dedito a promuovere la causa delle donne afghane.

L’ostentazione del voler agire per conto delle donne afghane avrebbe potuto essere usata allo stesso modo, se non in modo più convincente, per giustificare l’occupazione sovietica decennale del loro povero paese. Dopotutto, sotto il governo sponsorizzato dai sovietici del Partito democratico popolare dell’Afghanistan (Pdpa), sono state prese misure cruciali nel tentativo di emancipare le donne afghane dalle tradizionali catene patriarcali. Un rapporto del 2003 del gruppo consultivo della Nato International Crisis Group (Icg) ha elencato le misure applicate dal regime del Pdpa e la dura regressione nella condizione delle donne che si è verificata dopo la sua caduta. Come riassunto dieci anni dopo in un rapporto del 2013 dello stesso Icg:

Eliminando Daud con un colpo di stato militare, il Partito democratico popolare dell’Afghanistan (Pdpa) ha promesso alle donne pari diritti, istruzione obbligatoria e protezione contro i matrimoni forzati, combinati e precoci. I successivi regimi del Pdpa hanno incoraggiato l’occupazione femminile. Quando i talebani presero il controllo dell’Afghanistan a metà degli anni Novanta, il 70% degli insegnanti, circa la metà di tutti i dipendenti pubblici e il 40% dei medici erano donne.

A dire il vero, l’Icg ha criticato il regime del Pdpa e l’occupazione sovietica per la loro brutalità e l’imposizione con la mano pesante di misure come il porre fine alla segregazione nelle scuole, ma non c’è dubbio che negli anni del Pdpa c’è stato un grande sforzo per migliorare la condizione delle donne afghane nelle aree (soprattutto urbane) sotto il controllo del regime. Nel frattempo, l’opposizione islamica al regime del Pdpa, dominato dai fondamentalisti intransigenti, era fortemente contro le donne: la differenza tra i mujahidin degli anni Ottanta e dei primi anni Novanta e i talebani è una delle sfumature della stessa estremità dello spettro cromatico, non un differenza qualitativa. Come osservava il rapporto Icg del 2013: «I mujahidin hanno usato il loro controllo sui campi in Pakistan per imporre la loro interpretazione idiosincratica del ruolo delle donne sulla popolazione rifugiata, sostenuti dal regime del generale Zia-ul-Haq, che condivideva la loro versione puritana dell’Islam».

Oltre alla dittatura militare pakistana, i mujahidin erano sostenuti dal più antico e stretto alleato musulmano degli Stati uniti, il regno saudita, noto anche per il trattamento spaventoso riservato alle donne. Eppure è stato questo arco di forze che Washington ha scelto di sostenere nella sua lotta contro il regime del Pdpa e i suoi sostenitori sovietici.

Zbigniew Brzezinski, consigliere per la sicurezza nazionale di Jimmy Carter dal 1977 al 1981, fece molto rumore con l’intervista rilasciata a una rivista francese nel 1998, due anni dopo la presa del potere da parte dei talebani a Kabul. Dopo essersi vantato del fatto che la sua amministrazione avesse inflitto all’Urss «il suo Vietnam» che «ha portato poi alla disgregazione dell’impero sovietico», gli venne chiesto se si fosse pentito «di aver sostenuto il fondamentalismo islamico, di aver dato armi e consigli ai futuri terroristi». Brzezinski replicò cinicamente: «Cos’è più importante per la storia del mondo? I talebani o il crollo dell’impero sovietico? Alcuni musulmani problematici o la liberazione dell’Europa centrale e la fine della Guerra fredda?».

Brzezinski almeno non ha cercato di giustificare i talebani, a differenza di Zalmay Khalilzad, che, dopo aver prestato servizio nei dipartimenti di stato e della difesa nelle amministrazioni Reagan e Bush Sr, è diventato ambasciatore degli Stati uniti in Iraq e poi in Afghanistan sotto George W. Bush. In seguito è stato incaricato da Donald Trump dei negoziati degli Stati uniti con i talebani e ha svolto questo ruolo fino al completamento del ritiro degli Usa lo scorso agosto. Nel 1996, Khalizad affermò quanto segue sul Washington Post: «Sulla base delle recenti conversazioni con afghani, comprese le varie fazioni talebane, e pakistani, sono fiducioso che accoglierebbero con favore un nuovo impegno statunitense. I talebani non applicano il fondamentalismo anti-Usa praticato dall’Iran, sono più vicini al modello saudita».

Le femministe apprezzeranno la grande preoccupazione di Khalilzad per i diritti delle donne, che è solo un esempio del doppio standard di lunga data di Washington nel colpire il fondamentalismo islamico iraniano mentre giustifica i sauditi; anche se, rispetto a quest’ultimo, il primo sembra un faro di democrazia e di emancipazione femminile. Ciò che ha impedito che si svolgesse il rientro che Khalilzad aveva raccomandato non aveva niente a che fare con il destino delle donne afghane. Solo l’aumento degli attacchi di Al-Qaeda contro obiettivi statunitensi portò Bill Clinton a ordinare un attacco missilistico alle basi di Osama bin Laden in Afghanistan nel 1997. Il resto della storia è noto: l’11 settembre e il ventennale coinvolgimento degli Stati uniti in quel paese dilaniato dalla guerra, che si conclude con l’esito catastrofico a cui il mondo intero ha assistito ad agosto 2021.

È discutibile che la condizione delle donne fosse complessivamente più avanzata sotto la Repubblica islamica dell’Afghanistan (2004-2021) sponsorizzata dagli Stati uniti rispetto al regime del Pdpa. A differenza di quest’ultimo, tuttavia, il regime sponsorizzato dagli Stati uniti ha dovuto accogliere la tradizione patriarcale incarnata dai vecchi alleati afgani di Washington, i mujahidin che avevano combattuto il Ppdpa e l’occupazione sovietica e mantenuto il loro dominio sul nuovo regime (vedi le sezioni sui diritti delle donne e delle ragazze nelle successive relazioni annuali di Human Rights Watch sull’Afghanistan).

Inoltre, le donne nelle aree rurali, dove vive la stragrande maggioranza degli afghani, hanno sopportato il peso della guerra condotta dagli Stati uniti e ne hanno subito enormi sofferenze. L’Associazione rivoluzionaria delle donne afghane (Rawa) ha denunciato con forza questa situazione. E nonostante le richieste per l’inclusione delle donne nel processo di pace che Washington ha condotto con i talebani sotto Barack Obama, Donald Trump e Joe Biden, la partecipazione delle donne è rimasta marginale. L’affermazione secondo cui gli Stati uniti hanno ottenuto promesse di moderazione dai talebani si è già rivelata una barzelletta, il che farebbe ridere se la situazione non fosse così tragica.

*Gilbert Achcar è professore alla Soas di Londra. I suoi libri più recenti sono Marxism, Orientalism, Cosmopolitanism (2013), The People Want: A Radical Exploration of the Arab Uprising (2013) e Morbid syndrome: Relapse in the Arab Uprising (2016). In italiano è uscito Scontro tra barbarie (Alegre 2006). Questo articolo è uscito su JacobinMag. La traduzione è a cura della redazione di Jacobinitalia.

Tratto da: www.jacobinitalia.it/

Potrebbe piacerti anche Altri di autore