SIRIA E L’ANTIMPERIALISMO DEGLI IDIOTI

Pubblichiamo l’appello “Siria e l’antimperialismo degli idioti”.

La seguente lettera aperta è il prodotto della collaborazione di un gruppo di scrittori e intellettuali siriani ed altri in solidarietà con loro. È firmato da attivisti, scrittori, artisti e accademici provenienti dalla Siria e da più di 40 altri paesi in Africa, Asia, Europa, Medio Oriente, Nord America, Oceania e Sud America ed è stato diffuso in più lingue: inglese, arabo, francese, spagnolo, greco, italiano e russo.

Per aderire all’appello scrivere a:       appellosiria2021@yahoo.com 

specificando nome, cognome e attività

Elenco adesioni raccolte dall’Italia fino ad ad oggi. Si potrà firmare fino al 15 aprile all’indirizzo sopraindicato.

Joseph Halevi, Macquarie University, Sydney; International University College of Turin.

Enzo Traverso, Storico, Cornell University, USA

Jan Toporowski, SOAS University of London

Dylan Connor, singer-songwriter e attivista diritti umani

ITALIA

Riccardo Bellofiore, già docente di economia politica, Università di Bergamo

Giovanna Vertova, economista Università di Bergamo

Riccardo Cristiano, Presidente Ass. Giornalisti amici di padre Dall’Oglio

Aldo Garzia, giornalista

Sara Lucaroni, giornalista

Cesare Quinto, fotografo

Rosita Di Peri, docente Università di Torino

Gustavo Gozzi, docente Università Bologna

Germano Monti, attivista internazionalista

Antonio Moscato, già docente Università del Salento

Alberto Savioli, archeologo e scrittore

Lorenzo Declich, islamologo

Luciano Nuzzo, professore di Sociologia del diritto UFRJ (Universidade Federal do Rio de Janeiro – Brasil)

Giuseppe Cossuto, Storico

Joshua Evangelista, giornalista

Valerio Mattei, ricercatore e giornalista

Franco Turigliatto, ex Senatore, Sinistra Anticapitalista

Sergio Bellavita, sindacalista

Valerio Torre, avvocato, Collettivo marxista rivoluzionario “Assalto al cielo”

Diego Giachetti, docente in pensione

Bruno Buonomo, ricercatore, Collettivo ecosocialista

Dario Brandi, documenterista

Enrico Pulieri MPhil/PhD SOAS University of London

Fabrizio Gigliani, Delegato sindacale USB Pubblico Impiego

Matilde Bei Clementi

Walter Baldo C., Rproject.it

Enrico Semprini, attivista Sicobas

Spazio Sociale Zei Aps – Circolo arci Lecce

Avanzata Proletaria – www.avanzataproletaria.it

SVIZZERA

Anne Michel, femminista e sindacalista, Svizzera

Agostino Soldini, segretario sindacale, Svizzera

Vincent Bircher, militante sindacale, Svizzera

Paolo Gilardi, antimilitarista e storico, Svizzera

Angelica Lepori, deputata al parlamento Cantonale

Simona Arigoni, deputata al parlamento Cantonale

Matteo Pronzini, deputato al parlamento Cantonale

Claire Martenot, femminista e sindacalista

Nicolas Walder, Deputato al Parlamento federale, Partito dei Verdi

FRANCIA

Roseline Vachetta, già deputata europea, Nuovo Partito Anticapitalista, NPA, Francia

Elenco firme raccolte a partire dagli appelli apparsi negli Stati Uniti ed in altri Paesi, aggiornato al 4 aprile.

APPELLO

Traduzione dalla versione inglese di Fiorella Sarti              Foto di Cesare Quinto

Discutibili scrittori e organi di stampa, che spesso operano sotto l’egida del “giornalismo indipendente”, con visioni presuntamente “di sinistra”, stanno diffondendo disinformazione e propaganda corrosiva con lo scopo di privare i siriani della loro rappresentatività politica.

Cancellare il popolo attraverso la disinformazione: la Siria e l’”anti-imperialismo” degli idioti

Dall’inizio della rivolta siriana, dieci anni fa, e soprattutto da quando la Russia è intervenuta in Siria a supporto di Bashar al-Assad, si è verificato un fenomeno perverso ed insidioso: l’emergere di alleanze pro-Assad nel nome dell’”antimperialismo”, presso settori che si identificano come progressisti o” di sinistra”, con la conseguente diffusione di disinformazione manipolatrice che distoglie l’attenzione dagli abusi, ben documentati, di Assad e dei suoi alleati.

Autodefinendosi “oppositori” dell’imperialismo, essi mostrano regolarmente un’attenzione fortemente selettiva alle questioni di “intervento” e violazioni dei diritti umani, posizione che spesso si allinea con i governi di Russia e Cina; coloro che non condividono le loro opinioni rigidamente dogmatiche vengono spesso (e falsamente) bollati come “entusiasti del cambio di regime” o tratti in inganno dagli interessi politici occidentali.

La funzione divisiva e settarizzante svolta da questo settore (di ‘sinistra’, ndt) è inequivocabile: nella loro visione semplicistica, tutti i movimenti pro-democrazia e pro-dignità che vanno contro gli interessi statali russi o cinesi vengono sistematicamente descritti come qualcosa di calato dall’alto dall’ingerenza occidentale: per essi, nessun movimento è autoctono e spontaneo, nessuna rivolta è espressione di decenni di lotta interna indipendente contro una brutale dittatura (come in Siria), e nessuna protesta rappresenta veramente le aspirazioni delle persone che rivendicano il diritto a una vita dignitosa piuttosto che subire oppressione e abusi. Ciò che unisce le varie sigle e persone è il comune rifiuto di denunciare i crimini del regime siriano, o anche solo di riconoscere che in Siria c’è stata una rivolta popolare contro Assad, da lui brutalmente repressa.

Negli ultimi anni, questi scrittori e queste testate si sono moltiplicati, e spesso hanno usato la Siria come primo principio delle loro critiche all’imperialismo e all’interventismo, che ovviamente limitano all’occidente.Da essi, il coinvolgimento russo e iraniano viene semplicemente ignorato. Così facendo, si richiamano ad una lunga e rispettatissima tradizione di opposizione interna, spesso proveniente da sinistra, agli abusi del potere imperialista all’estero.

Ma non possono appartenere a quella compagnia. Nessuno che si allinei esplicitamente o implicitamente con il sanguinario governo di Assad può appartenervi. Nessuno che dispensi selettivamente e strumentalmente accuse di “imperialismo” a supporto della propria particolare versione di “politica di sinistra” – piuttosto che opporsi come principio in modo coerente in tutto il mondo e riconoscendo, quindi, l’interventismo imperialista di Russia, Iran e Cina – può essere ‘di sinistra’.

Spesso, con il pretesto di fare “giornalismo indipendente”, questi vari scrittori e organi di stampa hanno svolto il ruolo di principali fonti di disinformazione e propaganda sul disastro globale in corso che è diventata la Siria.  La loro ‘realpolitik’ reazionaria e distorta è cristallizzata sulle “politiche di potenze” top-down e antidemocratica come quella di Henry Kissinger o di Samuel Huntington, solo con valenza rovesciata. Ma questa strategia retorica esasperante e semplicistica (“capovolgere la sceneggiatura”, come una volta disse uno di loro), per quanto possa essere attraente per chi ama stabilire chi siano i “bravi” e i “cattivi” in un dato punto del pianeta, è solo lo strumento di adulazione fatto su misura per il loro pubblico in merito al “vero funzionamento del potere”, ma che in realtà serve a rafforzare uno status quo disfunzionale e ad impedire lo sviluppo di un approccio veramente progressista e internazionalista alla politica globale; approccio di cui abbiamo tanto disperatamente bisogno, date le sfide planetarie come quella di rispondere al riscaldamento globale.

Il fatto che il potere degli USA è stato di per sé terribilmente distruttivo, specialmente durante la Guerra Fredda, diventa l’argomento predominante: in tutto il mondo, dal Vietnam all’Indonesia, all’Iran, al Congo, al Sud e Centro America e oltre, il record di massicce violazioni dei diritti umani accumulate con il motivo di voler combattere il comunismo, parla chiaro. E nel periodo successivo alla Guerra Fredda, quello della cosiddetta “Guerra al Terrore”, gli interventi americani in Afghanistan e in Iraq non hanno smentito quella tendenza con un diverso orientamento della politica nazionale.

Ma, in Siria, gli USA non sono al centro di quello che è successo, malgrado ciò che queste persone affermano. L’idea che in qualche modo lo siano, nonostante ogni fatto provi invece il contrario, è il sottoprodotto di una cultura politica ristretta, che insiste sia sulla centralità del potere statunitense a livello globale, sia sul diritto imperialista di identificare chi sono i “bravi” e “cattivi” in ogni contesto.

L’allineamento ideologico degli ammiratori di destra di Assad con questo tipo di “sinistra” favorevole all’autoritarismo, è emblematico di ciò, e suggerisce che il problema, molto reale e molto serio, risiede altrove: cosa fare quando un popolo è vittima dell’oppressione del proprio governo, come il popolo siriano che è stato tenuto prigioniero da chi non esita a torturare, far sparire e uccidere persone anche solo per il minimo accenno di opposizione politica alla sua autorità?

Poiché molti paesi si avviano sempre di più verso forme di autoritarismo allontanandosi dalla democrazia, questa ci sembra una questione politica profondamente urgente a cui non c’è ancora risposta; e poiché non c’è risposta, in tutto il mondo c’è una crescente impunità da parte dei potenti e una crescente vulnerabilità dei più deboli.

A tal proposito, questi “antimperialisti” non hanno parole utili. Sulla profonda violenza politica inflitta al popolo siriano da Assad, dagli iraniani, dai russi? Senza parole. Perdonateci per aver fatto emergere che tale cancellazione delle vite e delle esperienze siriane incarna l’essenza stessa del privilegio imperialista (e razzista). Questi scrittori e blogger non hanno mostrato alcuna lucidità sui siriani, incluso sui firmatari di questa lettera, che hanno rischiato la vita opponendosi al regime, che sono stati incarcerati nelle prigioni di tortura di Assad (alcuni per molti anni), hanno perso i propri cari, avevano amici e famiglie fatte scomparire con la forza, sono fuggiti dal proprio paese, anche se molti siriani scrivono e parlano di queste esperienze già da molti anni.

Collettivamente, le esperienze siriane dalla Rivoluzione ad oggi costituiscono una sfida fondamentale per il mondo così come lo vedono queste persone. I siriani che si sono opposti direttamente al regime di Assad, spesso a caro prezzo, non lo hanno fatto a causa di un complotto imperialista occidentale, ma perché subire decenni di abusi, brutalità e corruzione era e rimane intollerabile. Insistere sulla diversa versione, sostenendo Assad, significa voler privare i siriani di ogni ragione politica e sostenere la politica di lunga data del regime di Assad, che ha privato i siriani di qualsiasi possibilità significativa nel loro ambito di governo e nelle loro condizioni sociali.

Noi, siriani e sostenitori della lotta del popolo siriano per la democrazia e i diritti umani, consideriamo questi tentativi di “far sparire” i siriani dal mondo della politica, della solidarietà e del partenariato,  coerenti con il carattere degli stessi regimi che queste persone chiaramente ammirano. Questo è l’ “antimperialismo” e il “sinistrismo” dei senza scrupoli, dei pigri e degli idioti, che non fa altro che rafforzare il disfunzionale stallo internazionale esibito nel Consiglio di sicurezza dell’ONU.

Ci auguriamo che i lettori di questo articolo si uniscano a noi per opporvisi.

Elenco firme

 

 

Siriani

Ahmad Aisha, giornalista e traduttore (Turchia)

Ali Akil, fondatore e portavoce, Syrian Solidarity New Zealand (Aotearoa / Nuova Zelanda)

Amina Masri, Attivista / Educatrice (USA)

Amr al-Azam, Professore di storia e antropologia del Medio Oriente, Shawnee State University (USA)

Asmae Dachan, giornalista italo-siriano (Italia)

Ayaat Yassin-Kassab, Studente, Università di Oxford (Regno Unito)

Aziz Al-Azmeh, Professore universitario emerito, Central European University (Austria)

Bakr Sidki, traduttore e editorialista (Turchia)

Banah el Ghadbanah, University of California, San Diego (USA)

Bisher Ghazal-Aswad, Dottore, NHS (Regno Unito)

Bushra A., Syria Solidarity New York City (USA)

Dellair Yousef, scrittore e regista, Berlino (Germania)

Mohammed Zaher Sahloul, Presidente, MedGlobal & Founder, American Relief Coalition for Syria (USA)

Faraj Bayrakdar, poeta (Svezia)

Farouk Mardam-Bey, editore e scrittore, Parigi (Francia)

Fouad M. Fouad, Professore, Università americana di Beirut (Libano)

Fouad Roueiha, Attivista (Italia)

Ghayath Almadhoun, poeta (Germania)

Haian Dukhan, Associate Research Fellow, Center for Syrian Studies, University of St. Andrews (Regno Unito)

Haid Haid, Senior Research Fellow, Chatham House (Regno Unito)

Hala Alabdalla, regista (Francia)

Hassan Nifi, scrittore (Turchia)

Irène Labeyrie Chaya, Architetto ed ex insegnante presso la Facoltà di Architettura, Università di Qalamun, Deir Atiya, Siria

Joseph Daher, Accademico siriano / svizzero, Università di Losanna / Istituto universitario europeo (Svizzera)

Karam Nachar, accademico e scrittore

Karam Shaar, Analista senior, Tesoro della Nuova Zelanda (Nuova Zelanda)

Karim Al-Afnan, giornalista (Regno Unito)

Lara el Kateb, membro dell’Alleanza dei socialisti mediorientali e nordafricani

Leila Al-Shami, scrittrice / attivista (Scozia)

Lubayed Aljundi, PhD Candidate, SOAS, University of London (UK)

Mahmoud el Wahb, scrittore (Turchia)

Marcelle Shehwaro, New York NY (USA)

Marcus Halaby, scrittore britannico-siriano e membro del partito laburista (Regno Unito)

Marwa Daoudy, Professore associato, Georgetown University (USA)

Mayson Almisri, Protezione civile siriana – White Helmets, co-vincitore del Gandhi Peace Award 2021 (Canada)

Miream Salameh, artista siriano (Australia)

Mohamed Al Rashi, attore (Francia)

Mohamed Samawi, Homs, PR

Mohamed T. Khairullah, sindaco, Borough of Prospect Park, New Jersey (USA)

Mohammad Al Attar, scrittore, drammaturgo, Berlino (Germania)

Mohja Kahf, Professore (USA)

Najwa Affash, Presidente dell’Associazione Hani, Parigi (Francia)

Nidal Betare, giornalista (USA)

Nisrine Al Zahre, accademica e scrittrice (Francia)

Noor Ghazal Aswad, Dottorando, Università di Memphis (USA)

Odai Al Zoubi, scrittore (Svezia)

Omar Abbas, University of California Riverside (USA)

Omar Qaddour, romanziere e giornalista (Francia)

Orwa Khalifa, scrittore (Turchia)

Osama Alomar, scrittore (USA)

Rahaf Aldoughli, Lecturer in Middle East and North Africa Studies, Lancaster University (UK)

Ramah Kudaimi, organizzatore, Washington (USA)

Ramzi Choukair, attore e regista, Kawalisse Theatre Company (Francia)

Sadek Abd Alrahman, scrittore (Turchia)

Salam Abbara, medico e attivista, Parigi (Francia)

Salam Said, Academic (Germania)

Saleem Albeik, scrittore / giornalista, palestinese / siriano (Francia)

Samar Yazbek, romanziere (Francia)

Sami Haddad, Attivista (Italia)

Shiyam Galyon, War Resisters League (USA)

Taha Bali, medico e scrittore (USA)

Touhama Ma’roof, dentista (Turchia)

Victorios Bayan Shams, giornalista (Brasile)

Wael Khouli, dirigente medico – BE Smith, Michigan (USA)

Yasmine Merei, scrittrice e giornalista e responsabile Women for Common Space, Berlino (Germania)

Yasser Khanger, poeta del Golan occupato

Yasser Munif, Emerson College (USA)

Yassin al-Haj Saleh, scrittore, ex prigioniero politico (Germania)

Yassin Swehat, giornalista e redattore (Germania-Spagna)

Yazan Badran, dottorando, Vrije Universiteit e SyriaUntold (Belgio)

Altri

A Hak (Regno Unito)

Abdelrahman Elbanna, Lyndhurst, NJ (USA)

Abdullsh Hayed, Parigi (Francia)

Abdulrahman Hallak, Kuwait (Kuwait)

Abdul-Wahab Kayyali, ricercatore, Princeton University (Canada)

abraham Weizfeld PhD, Movimento per la democrazia diretta

Adam Sabra, Professore di Storia, Università della California, Santa Barbara (USA)

Adam Shatz, scrittore, Brooklyn (USA)

Aditya Sarkar, University of Warwick (Regno Unito)

Adnan Salim, Idoo Madrid (Spagna)

Agnes Favier, Professore a tempo parziale, Istituto universitario europeo

Ahlam Zeineddine, Beirut (Libano)

Ahmad Matar, chef (palestinese, Germania)

Ahmed Sakkal, Baltimora, MD (USA)

Aidan Geboers, Financial Professional (Regno Unito)

Akram Aboud, Riyadh (Arabia Saudita)

Al Hammood, Centreville, VA (USA)

Alan Wald, H. Chandler Davis Collegiate Professor Emeritus, University of Michigan (USA)

Aldo Cordeiro Sauda, ​​Editora Contrabando, San Paolo (Brasile)

Alessandra Mezzadri, Senior Lecturer, SOAS, University of London (UK)

Alex De Jong, condirettore, Istituto internazionale per la ricerca e l’istruzione (Paesi Bassi)

Alex Johnson, Syria Solidarity Australia (Australia)

Ali Bakeer, Senior Researcher, Ibn Khaldun Center (Turchia)

Ali Fathollah-Nejad, Freie Universität Berlin (Germania)

Ali Moravej, Manchester, CT (USA)

Ali Samadi Ahadi, regista (Germania)

Aliaa Tabbaa“ Hellin ((Spagna)

Alicia Fdez Gómez, Oviedo (Spagna)

Al-Sheik Hussein, Helsinki (Finlandia)

Amahl Bishara, Tufts University (USA)

Amal Mouhamad, Berlino (Germania)

Amal Sakkal, Charleston, Virginia (USA)

Aman Doughan, Beirut (Libano)

Amina A., Syria Solidarity New York City (USA)

Ammar Al-Ghabban, educatore indipendente (Regno Unito)

Anahita Razmi, Visual Artist (Germania)

Andrea Love, Educatore (USA)

Andrew Berman, Comitato di solidarietà con il popolo siriano – CISPOS (USA)

Andy Heintz, Ames, IA (USA)

Anette Laszkiewitz (Germania)

Ani White, Melbourne (Australia)

Anis Mansouri, Insegnante e coordinatore di educazione speciale, internazionalisti tunisini in Svizzera (Svizzera)

Anja Matar, agente di viaggio (Germania)

Ann Eveleth, Attivista contro la guerra, Washington DC (USA)

Ann Morgen, Dundas (Canada)

Anna Alboth, Civil March For Aleppo (Germania / Polonia)

Anna Ferris, Philadelphia, PA (USA)

Anna Sailer, Università di Goettingen (Germania)

Anne-Kathryn Bathe, Berlino (Germania)

Anne-Marie McManus, Berlino (Germania)

Ansar Jasim, ricercatore politico, Berlino (Germania)

Anthony Ratcliff, California State University, Los Angeles (USA)

Anya Briy, dottoranda, Binghamton University (USA)

Arash Azizi, PhD Candidate, New York University (USA)

Arianna Parisato (Italia)

Ariel Dorfman, scrittore ed ex consigliere del governo di Salvador Allende (Cile / USA)

Art Young, attivista di solidarietà (Canada)

Arthur Esparza, Everett, WA (USA)

Ashley Smith, membro del DSA e del Tempest Collective (USA)

Athena Moss, giornalista (Grecia)

Au Loong-Yu, attivista per la giustizia globale e il lavoro (Hong Kong)

Austin G Mackell (Australia)

Barbara Blaudzun, MA Student, Humboldt University of Berlin (Germania)

Barbara Epstein, Professor Emerita, University of California, Santa Cruz (USA)

Basem Kan, Göteborg (Svezia)

Bashir Abu-Manneh, Reader, University of Kent (UK)

Becky Carroll, co-fondatrice, Stand With Aleppo Campaign (USA)

Ben Manski, assistente professore di sociologia, George Mason University (USA)

Bernard Dreano, attivista (Francia)

Bilal Ansari, Faculty Associate & Director of the Islamic Chaplaincy Program, Hartford Seminary (USA)

Bill Fletcher, Jr., Past President del TransAfrica Forum (USA)

Bill Mullen, West Lafayette, IN (USA)

Bill Weinberg, giornalista e autore (USA)

Birgitte Jensen, Vejle (Danimarca)

Boris Thiolay Paris (Francia)

Brett Ogaard, Seattle, WA (USA)

Brian Aboud, Montréal, Quebec (Canada)

brian bean, organizzatore / giornalista,  Rampant Magazine , Tempest Socialist Collective (USA)

Brigitte Herremans, Gentbrugge (Belgio)

Camila Pastor, professore di ricerca, dipartimento di storia, centro di ricerca e insegnamento in economia (Messico)

Carol Akhras, Bridgeview, IL (USA)

Carol Murchie, Newport, RI (USA)

Caroline Gilbert, Consigliere in pensione del Centro HELP, Università del Minnesota (USA)

Caterina Coppola, Attivista (Italia)

Catherine Coquio (Francia)

Catherine Estrade, cantante (Francia)

Catherine Samary, economista, membro del consiglio scientifico di ATTAC (Francia)

Cedric Beidatsch, cuoco in pensione (Australia)

Charles Post, Brooklyn, NY (USA)

Charles-André Udry, economista, editore, alencontre.org (Svizzera)

Chaza Charafeddine, Beirut (Libano)

Cheryl Zuur, ex presidente, AFSCME Local 444 (USA)

Chris Keulemans, scrittore e giornalista (Paesi Bassi)

Christian Dandrès, membro del Parlamento (Conseil National) (Svizzera)

Christian Shaughnessy, Democratic Socialists of America, Inland Empire Chapter (USA)

Christian Varin, funzionario pubblico e membro della Commissione internazionale del Nouveau Parti Anticapitaliste (Francia)

Christin Lüttich, Esperto in Siria, Iniziativa di solidarietà tedesco-siriana “Adotta una rivoluzione” (Germania)

Christoph Reuter, giornalista e scrittore, Berlino (Germania)

Cinzia Nachira, Ricercatrice, Università di Firenze (Italia)

Claire Nolan, Dublino (Irlanda)

Claude Marill, Educatore in pensione e sindacalista, Syndicat National des personnels de l’éducation et du social (Francia)

Claude Szatan, attivista (Francia)

Clay Claiborne, Direttore, Vietnam: American Holocaust, Linux Beach Productions (USA)

Colette Morrow, Professore di inglese, Purdue University Northwest (USA)

Colleen Keyes, Facoltà aggiunta, Hartford Seminary (USA)

Cory Strachan, Manistee, MI (USA)

Craig Larkin, Senior Lecturer, King’s College London (UK)

Cristèle Jonnart, Ohain (Belgio)

Cristina Cardeño, Città del Messico (Messico)

Dan Buckley, Organizzazione internazionale marxista-umanista (USA)

Dan Cahill, Local Union 18, IUPAT, New Jersey (USA)

Dan La Botz,  New Politics  Journal (USA)

Dana Mohseni, Göteborg (Svezia)

Daniel Fischer, Food Not Bombs (USA)

Daniel Ford, Denver, CO (USA)

Daniela Vitkova, Sofia (Bulgaria)

Daniele Rugo, Londra, Inghilterra (Regno Unito)

Danilo Milinin, Beograd, Beograd (Serbia)

Danny Postel, scrittore, membro, Internationalism from Below (USA)

Dario Lopreno, Geografo (Svizzera)

Darren Fenwick, MD Silver Spring (USA)

David Bedggood, Gruppo di discussione e strategia sulla solidarietà in Siria (Aotearoa / Nuova Zelanda)

David Brophy, docente senior di storia, Università di Sydney (Australia)

David L. William, Peregrine Forum of Wisconsin (USA)

David Letwin, South Orange, NJ (USA)

David McNally, Cullen Distinguished Professor of History, University of Houston (USA)

David N. Smith, Professore di sociologia, University of Kansas (USA)

David Turpin, attivista contro la guerra (USA)

David Wearing, Senior Teaching Fellow, SOAS, University of London (Regno Unito)

David Westman, Organizzazione della Voce Comunista, USA

Diane Michellini, Dallas, TX (USA)

Dilip Simeon, insegnante (India)

Dina Matar, Reader, SOAS, University of London (UK)

Donya Alinejad, docente e ricercatrice post-dottorato, Università di Amsterdam e Utrecht (Paesi Bassi)

Dora Manna, Attivista (Italia)

Dylan Terpstra, Randolph, NJ (USA)

Ed Sutton, Media Activist and Mutual Aid Organizer (USA)

Edin Hajdarpasic, Professore Associato di Storia, Loyola University Chicago (USA)

Eileen Boyle, Dublino (Irlanda)

Elena De Piccoli, Attivista (Italia)

Eleni Varikas, Professore Emerita di Scienze Politiche, Université de Paris 8 (Francia)

Elias Khoury, romanziere (Libano)

Elizabeth Bard, Little Rock AR (USA)

Elizabeth Lalasz, Chicago, IL (USA)

Elsa Wiehe, Boston University (USA)

ELza Mardirossian Matouk, Dollard-Des Ormeaux (Canada)

Emma Wilde Botta,  New Politics Journal (USA)

Emran Feroz, giornalista (Germania)

Enrico De Angelis, ricercatore indipendente, Berlino (Germania)

Enzo Traverso, storico, Cornell University (USA)

Eric G., Seattle, WA (USA)

Eric Toussaint, membro del Consiglio internazionale del Forum sociale mondiale (Belgio)

Estella Carpi, University College London, Istanbul (Turchia)

Eugene Zaikonnikov, Nesttun (Norvegia)

Eylaf Bader Eddin, Philipps-Universität Marburg \ Post-doc (Germania)

Fabio Alberti, Roma (Italia)

Fabio Bosco, CSP-Conlutas (Brasile)

Fadi Dayoub, Castelnau Le Lez (Francia)

Farah Baba, attivista femminista (Libano)

Farhad Mirza, Berlino (Germania)

Farizah JAHJAH, Reims (Francia)

Fatemeh Masjedi, Research Associate, Center Marc Bloch, Berlino (Germania)

Fatma Alhaji, Helsingborg (Svezia)

Fazlur Rahmat (Indonesia)

Fiorella Sarti, Attivista e traduttrice (Italia)

Firas Aljanadi Leeds (Regno Unito)

Firoze Manji, editore, Daraja Press (Canada)

Francesca Burns, New York, NY (USA)

Francesca Giura, Attivista (Italia)

Francesca Scalinci, traduttrice e scrittrice (Italia)

Francis Sitel, membro del team di animazione nazionale di ENSEMBLE! (Francia)

Franco Casagrande (Italia)

Françoise Clement, Chatou ((Francia)

Frankie Hill, lavoratore autonomo (Nuova Zelanda)

Frieda Afary, Produttrice di Iranian Progressives in Translation (USA)

Gabriel Huland, dottorando e assistente all’insegnamento, SOAS, University of London (UK)

Gail Vignola, South Orange NJ (USA)

Gareth Kenny, Dublino (Irlanda)

Gaya Nagahawatta, traduttrice, (Sri Lanka)

Gennaro Gervasio, Professore Associato di Storia e Politica del Medio Oriente, Università Roma Tre (Italia)

George De Stefano, Brooklyn NY (USA)

George Monbiot, autore, giornalista e attivista ambientale (Regno Unito)

Gerard Lauton, accademico, membro dell’associazione For a Free and Democratic Syria (Francia)

Ghaith Almahayni, Istanbul (Turchia)

Gilbert Achcar, Professore, SOAS, University of London (UK)

Gilberto Conde, Professore di ricerca, El Colegio de México (Messico)

Giovanna De Luca, Traduttrice-Attivista (Italia)

Giuseppe Visconti, Salerno (Italia)

Golineh Atai, giornalista televisivo (Germania)

Graciela Monteagudo, University of Massachusetts Amherst (USA)

Grant Padgham, Ashford, Inghilterra (Regno Unito)

Günther Orth, traduttore (Germania)

Habib Nassar, attivista / avvocato (Paesi Bassi)

Hadrien Buclin, Academic & Deputy Ensemble à Gauche nel Parlamento del Governatorato di Vaud (Svizzera)

Haideh Moghissi, Professore Emerita, York University (Canada)

Haley Wilson, Westerville, OH (USA)

Halimah El Azem, Berlino (Germania)

Hannu Reime, Helsinki (Finlandia)

Harald Etzbach, giornalista (Germania)

Harout Akdedian, Senior Fellow, Striking from the Margins Project, Central European University (USA)

Harsh Kapoor, ricercatore indipendente ed editore, (India / Francia)

Hassan KRAYEM, Amman (Giordania)

Hayfaa Tahan, Milton (Canada)

Hazar Tahan, Beirut (Libano)

Heather A. Brown, Professore associato di sociologia, Westfield State University (USA)

Helen Lackner, Research Associate, SOAS, University of London (UK)

Helen Scott, Burlington, VT (USA)

Hilary Austin, Chicago, IL (USA)

Hilary Oxley, Palmerston North (Nuova Zelanda)

Hiroki Okazaki, docente universitario (Giappone)

Howard Brick, Louis Evans Professore di Storia, Università del Michigan, USA

Howie Hawkins, candidato alla presidenza del Green Party 2020 (USA)

Huda Tahan, Beirut (Libano)

Hussam Alshabi, Dubai (EAU)

Ibrahim Chahoud, Berlino (Germania)

Idrees Ahmad, Lecturer in Digital Journalism, University of Stirling (UK)

Ikram Abdelfattah, Beirut (Libano)

iris aulbach (Germania)

Isabelle Peillen-Debs Beirut (Libano)

Isabelle THIEULEUX, PARIGI (Francia)

Ismail ElAchkar, Khobar, (Arabia Saudita)

Ivan Handler, CIO in pensione dell’Illinois Medicaid e dello scambio di informazioni sulla salute (USA)

Izzat Darwazeh, Professore, University College London (UK)

Jack McGinn, Londra (Regno Unito)

Jacob Miller Brampton (Canada)

Jacques Raillane, Parigi (Francia)

Jaime Pastor, Professore di Scienze Politiche, Universidad Nacional de Educación a Distancia (Spagna)

Jairus Banaji, SOAS, University of London (UK)

James Dickert, ingegnere informatico in pensione (USA)

James Dickins, Prof. di arabo, Università di Leeds (Regno Unito)

James Hamill Leicester (Regno Unito)

James Mullally, attivista per i diritti umani, British Columbia (Canada)

James Smith, Dallas, TX (USA)

Jamie Mayerfeld, Professore di Scienze Politiche, Università di Washington, Seattle (USA)

Jan Malewski, redattore,  Inprecor  (Francia)

Jane England, Scrittrice (Aotearoa / Nuova Zelanda)

Janet Afary, Mellichamp Chair in Global Religion and Modernity, University of California, Santa Barbara (USA)

Janet Robin Bogle, Nonna (Aotearoa / Nuova Zelanda)

Janette Corcelius, Lorton, VA (USA)

Janick Schaufelbuehl, Professore Associato, Università di Losanna (Svizzera)

Jason Schulman, Lehman College, City University of New York (USA)

Javier Sethness, Los Angeles CA (USA)

Jean Batou, storico e deputato al Parlamento del Governatorato di Ginevra (Svizzera)

Jean-Michel Dolivo, avvocato ed ex vice, Ensemble à Gauche, Parlamento del Governatorato di Vaud (Svizzera)

Jeff Weintraub, Bryn Mawr College, PA (USA)

Jen MacLennan, Independent Media, Syria Solidarity Activist, Londra (Regno Unito)

Jenna Mushin, Coventry, CT (USA)

Jenny Morgan, regista (Regno Unito)

Jens Hanssen, Università di Toronto (Canada)

Jens Lerche, Reader, SOAS, University of London (UK)

Jens-Matin Rode, Berlino (Germania)

Jessy Nassar, dottoranda, King’s College London (Libano)

Joachim Haberlen, University of Warwick, (Regno Unito)

Joan Connelly, segretario, pensionato USA

Joanne Demchok, Bethesda, MD (USA)

Joanne Roberts (Australia)

Joel Beinin, Professore di Storia del Medio Oriente, Emerito, Stanford University (USA)

Joël Jovet, Parigi (Francia)

Joey Ayoub, Assoc. Dottore di ricerca, Univ. di Zurigo, fondatore di ‘The Fire These Times’, scrittore / giornalista (Svizzera)

John A Imani (USA)

John Clarke, Packer Visitor in Social Justice, York University, Toronto (Canada)

John Dunn, ex minatore di carbone in sciopero e membro del comitato di filiale, National Miners Union, Darbyshire Branch (UK)

John Feffer, Direttore, Foreign Policy In Focus, Institute for Policy Studies (USA)

John Kahler, MD, FAAP (Fellow dell’American Academy of Pediatrics) (USA)

John Reimann, ex segretario di registrazione, Carpenters Union Local 713, Editor,  Oakland Socialist  (USA)

John Treat, New York NY (USA)

Jonas Ecke, Berlino (Germania)

Joseph Green, Organizzazione della Voce Comunista (USA)

Josepha Ivanka (Joshka) Wessels, docente senior, Università di Malmö (Svezia)

Joshua Cohen, redattore, Boston Review ; Distinguished Senior Fellow, UC Berkeley; facoltà, Apple Univ. (STATI UNITI D’AMERICA)

Judith Deutsch, psicoanalista, Toronto (Canada)

Julia Bar-Tal, agricoltore, Berlino (Germania)

Julien Salingue, Direttore del quotidiano e del sito web  l’Anticapitaliste , Nouveau Parti Anticapitaliste (Francia)

Juliette Harkin, scrittrice (Regno Unito)

Julnar Tahan, Halba nord (Libano)

Kaori Hizume, produttore televisivo, Tokyo (Giappone)

kawabata erkin (Giappone)

Kay Brainerd, Belleville, MI (USA)

Kelly Grotke, PhD, scrittrice, Greater Boston (USA)

Ken Hiebert, attivista per la solidarietà con la Palestina (Canada)

Kevin B. Anderson, Professore di sociologia, University of California, Santa Barbara (USA)

Kevork Assadourian, Yerevan (Armenia)

Khaled Ghannam Warehouse Manager (Australia)

Khaled Mansour, scrittore (Egitto)

Khaled Saghieh, giornalista e scrittore, Beirut (Libano)

Konstantin Rintelmann, dottorando, Università di Edimburgo (Regno Unito)

kris Juhl, Mckinleyville, CA (USA)

LR, Berna (Svizzera)

Lauren Langman, Professore di sociologia, Loyola University of Chicago (USA)

laurent soubise, Lione (Francia)

Laurie King, Professore Associato di Insegnamento, Dipartimento di Antropologia, Georgetown University (USA)

Leah Wild, Cheltenham, Inghilterra (Regno Unito)

Lee Wengraf, Queens, NY (USA)

Leonie O. Dowd, Dublino (Irlanda)

Leyla Dakhli, Ricercatrice, CNRS (Francia)

Lilia Marsali, Parigi (Francia)

linda mattes, Jbail (Libano)

Lisa Albrecht, Professore in pensione dell’Università del Minnesota, Giustizia sociale (USA)

Lisa Morton, Newton, NJ (USA)

Lisa Perrine (Francia)

Lisa Wedeen, Mary R. Morton Professor of Political Science and the College, University of Chicago (USA)

Lisbeth Gouin (Francia)

Livia Wick, Professore associato, American University of Beirut (Libano)

Liz Elkind, Edimburgo (Regno Unito)

Lois Weiner, Professoressa Emerita, New Jersey City University (USA)

Loretta Facchinetti, Attivista (Italia)

Louay Ojjeh, Neuilly-sur-seine (Francia)

Lucia Sorbera, Sydney (Australia)

Luke Alexander, Leumeah (Australia)

Lydia Beattie, Comitato di solidarietà con il popolo siriano – CISPOS (USA)

Mahdi Ghodsi, economista, Vienna Institute for International Economic Studies (Austria)

Maher Barotchi, Sheffield (Regno Unito)

Mahvish Ahmad, Assistant Professor in Human Rights and Politics, London School of Economics (LSE) (Regno Unito)

Mai Taha, Goldsmiths, University of London (UK)

Maire Kelly, attivista, Berlino (Germania)

Majd A Bukit, Mertajam (Malesia)

Mamoun DIB, Avrillé (Francia)

Marese Hegarty, Community Development Worker, Irish Syria Solidarity Movement (Irlanda)

Margo Harkin Derry (Regno Unito)

Maria Van innis, Namur (Belgio)

Mariana Morena, Buenos Aires (Argentina)

Mariluz Secilla Souto (Spagna)

marina caruso, parigi (Francia)

Marina Centonze, Attivista (Italia)

Mark Boothroyd, Londra (Regno Unito)

Mark Goudkamp, ​​ESL e insegnante di storia, Syria Solidarity Australia (Australia)

Mark LeVine, Irvine, CA (USA)

Markus Bickel, Tel Aviv (Israele)

Marta Tawil-Kuri, Professore di ricerca, El Colegio de México (Messico)

Martti Koskenniemi, Prof. di diritto internazionale, Università di Helsinki (Finlandia)

Mary Ellen Davis, Montréal, Quebec (Canada)

Mary Killian, pianista / insegnante di musica, Berlino (Germania)

Mary Lynn Murphy, Comitato di solidarietà con il popolo siriano – CISPOS (USA)

Mary Rizzo, traduttrice-attivista (Italia)

Max Weiss, Professore Associato di Storia e Studi del Vicino Oriente, Princeton University (USA)

Mayssoun Sukarieh, Senior Lecturer, King’s College London (UK)

Mazen Halabi, attivista (USA)

Meghan Keane, co-direttore di Emergent Horizons (USA)

Meredith Tax, New York, NY (USA)

Michael Albert, ZNet (USA)

Michael Fuller, Mapper, Scienziato sociale, British Columbia (Canada)

Michael Hirsch, Socialisti democratici d’America di New York (USA)

Michael Karadjis, Western Sydney University, Syria Solidarity Australia (Australia)

Michael Kulbat, Lisbona, Santarém (Portogallo)

Michael Letwin, Brooklyn, NY (USA)

Michael Löwy, Direttore emerito della ricerca, Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS) (Francia)

Michael Pröbsting, autore, editore di www.thecommunists.net (Austria)

Michael Santos, attivista contro la guerra (USA)

Michel Morziere, attivista, membro dell’associazione Per una Siria libera e democratica (Francia)

Michelle Cantat, Parigi (Francia)

Michelle Dean, Bristol (Regno Unito)

Miguel Urbán, membro del Parlamento europeo (GUE / NGL) (Spagna)

Mike Kurpinski, Tomice (Polonia)

Minnie Berman, New York, NY (USA)

Miriam Pickens, Southfield, MI (USA)

Mirko Medenica, Beograd (Serbia)

Miro Sandev, Sydney (Australia)

Mo Tabba, Brossard (Canada)

Mohamad Khouli, Comitato di solidarietà con il popolo siriano – CISPOS (USA)

Mohamed Abdi Nour, Segretario generale, Sindacato pubblico somalo (Somalia)

Molly Crabapple, artista e scrittrice (USA)

Mouhab Ibraheem, (Germania)

Mounzer Itani, Berlino (Germania)

Mudassir Nadeem (India)

Muhammed Abbas, Antalya (Turchia)

Mustafa Aljarf, (Francia)

Myriam Kendsi, Grenoble (Francia)

Na’eem Jeenah, Direttore esecutivo, Afro-Middle East Center (Sud Africa)

Nader Hashemi, Direttore, Center for Middle East Studies, University of Denver (USA / Canada)

Nadia Leïla Aïssaoui, sociologa (Algeria / Francia)

Nadia NAFFAKH, Malakoff (Francia)

Nadia Salam, Troyes (Francia)

Nadia Samour, Avvocato, Berlino (Germania)

Nadje Al-Ali, Professore di Antropologia e Studi sul Medio Oriente, Brown University (USA)

Nael Georges, Annemasse (Francia)

Nagao Koh, Ichikawa (Giappone)

Nancy Holmstrom, Professoressa Emerita, Rutgers University (USA)

Nancy Ko, PhD Student, Columbia University, New York (USA)

Nassim Mehran, Berlino (Germania)

Natasha Hazrati, San Carlos (Nicaragua)

Nathalie Robisco, Bastia (Francia)

nathan Hutchinson, Boulder, CO (USA)

Navtej Purewal, Professore, SOAS, University of London (UK)

Nazan Üstündağ, studioso indipendente (Germania)

Nick Riemer, Università di Sydney (Australia)

Nicola Gandolfi (Spagna)

Nigel Gibson, Emerson College (USA)

Nils de Dardel, avvocato, ex membro del Parlamento (Svizzera)

Nizar Flihsn (Kuwait)

noah zweig, (Ecuador)

Noam Chomsky, University of Arizona (USA)

nurlana khalilova (Italia)

Odile Brunet, Lauris (Francia)

Ofer Neiman, Studente, Gerusalemme

Olfa Lamloum“ Tunisi (Tunisia)

Olivia Hudis, Boulder, CO (USA)

Omar Dewachi, Antropologo, Rutgers University (USA)

Osama Alhomse, Jeddah (Arabia Saudita)

Ozlem Goner, Brooklyn, NY (USA)

Pam Bromley, membro indipendente, Rossendale Borough City Council (Regno Unito)

Paola Rivetti, Dublino (Irlanda)

Parvathi Menon, ricercatore / docente a contratto, Università di Helsinki (Finlandia)

Pascale TENANT, Mouettes (Francia)

Patrick Bond, Professore, Università del Capo Occidentale (Sud Africa)

Patrick J. O’Dea, Elettricista e sindacalista (Nuova Zelanda)

Paul Fletcher, Crawley, Inghilterra (Regno Unito)

Paula Manthey (Germania)

Payam Ghalehdar, Università di Göttingen (Germania)

Penelope Duggan, redattore,  International Viewpoint  (Francia)

Pete Brown, Organizzazione della Voce Comunista (USA)

Pete Klosterman, attivista per i diritti umani, New York City (USA)

Peter Bohmer, Faculty Emeritus, Evergreen State College (USA)

Peter Chambers, Castle Donington, Inghilterra (Regno Unito)

Peter Hudis, Professore di Filosofia, Oakton Community College (USA)

Peter McLaren, Distinguished Professor in Critical Studies, Chapman University (USA)

Peter Saxtrup Nielsen, Aarhus C, (Danimarca)

Phil Gasper, Professore Emerito, Università Notre Dame de Namur (USA)

Piero Maestri, Attivista, Milano (Italia)

Pierre Conscience, Deputato comunale, Consiglio comunale di Losanna, Ensemble à Gauche – solidaritéS Vaud (Svizzera)

Pierre Vandevoorde (Francia)

Pina Piccolo, San Jose (Italia)

Polly Kellogg, Professore in pensione di relazioni umane, St. Cloud State University, Minnesota (USA)

Prabhu Mohapatra, Università di Delhi (India)

Pritam Singh, Oxford Brookes University (Regno Unito)

Qutaiba Alhusein, Kirke-hyllinge Danimarca

Raghu Krishnan, traduttore e interprete, Toronto (Canada)

Rahim Laban, Cardiff (Regno Unito)

Rajan Hoole, scrittore e difensore dei diritti umani (Sri Lanka)

Rana Issa, American University of Beirut (AUB) (Libano / Norvegia)

Rana Kabbani, Fulham (Regno Unito)

Raouia Ben abd El ouahab Casablanca (Marocco)

Rasha Anayah, Baltimore, MD (USA)

Rashad Ali, Resident Senior Fellow, Institute for Strategic Dialogue (Regno Unito)

Rashmi Varma, University of Warwick (Regno Unito)

Rebecca Lesses, Ithaca, NY (USA)

Rebekka Rexhausen, Assistente di progetto, Alsharq Reise (Germania)

Rev. Dr. Rachael Keefe, Clero, Living Table United Church of Christ (USA)

Rev. Gregory Seal Livingston, Syria Faith Initiative, New York (USA)

Riccardo Bella, Tecnico teatrale, Milano (Italia)

Richard Atkinson Chester (Regno Unito)

Richard Greeman, Victor Serge Foundation (Francia)

Richard Wood, Presidente in pensione, Dipartimento di sociologia, DeAnza College (USA)

Rima Anabtawi, MA Groves, TX (USA)

Rima Majed, Assistant Professor, American University of Beirut (Libano)

Roane Carey, Senior Editor,  The Nation  (USA)

Robert Brenner, Center for Social Theory and Comparative History, UCLA (USA)

Robert Day, Southfield, MI (USA)

Robert Evans, Erie, PA (USA)

Robert Green, Hackney (Regno Unito)

Robert J. Pechacek, Woodstock, IL (USA)

Roberto Andervill, assistente sociale e attivista (Italia)

Roger Silverman, ex candidato, Comitato esecutivo nazionale del Partito laburista britannico (Regno Unito)

Rohini Hensman, scrittore e studioso indipendente (India)

Roland Merieux, membro del team di animazione nazionale di ENSEMBLE! (Francia)

Romolo Molo, Avvocato (Svizzera)

Ronald Souza, Dallas, USA (USA)

Ronnie Herbolzheimer, Leibnitz (Austria)

Rosanne S, Durban (Sudafrica)

Ruairi Nolan, Exeter (Regno Unito)

Rupert Read, Philosopher, University of East Anglia (Regno Unito)

Ruth Riegler Glasgow (Regno Unito)

S Ghazal, Baildon (Regno Unito)

Saajeda Bayat, Imprenditrice (Sud Africa)

Sadri Khiari, designer (Tunisia)

Saeb Shoufi, Fort Worth TX (USA)

Saffo Papantonopoulou, Tucson, AZ (USA)

sagawa toshiaki, Giappone

Salim Sendiane, Angers (Francia)

Salima Bey, Parigi (Francia)

Salwa Ismail, Professore di Politica, SOAS, University of London (UK)

Sam Friedman, Poet and AIDS researcher (USA)

Sam Hamad, scrittore e ricercatore, Università di Glasgow (Scozia)

Samantha Falciatori, Web Author (Italia)

Samia Akkad, Roma (Italia)

Samuel Farber, Professore Emerito di Scienze Politiche, Brooklyn College of CUNY (USA)

Sandra Bender, ricercatrice e attivista per i diritti umani (USA)

Sandra Hetzl, traduttrice e curatrice (Germania)

Sara Abbas, PhD Candidate, Freie Universität, Berlino (Germania)

Sascha Ruppert-Karakas, Monaco (Germania)

Saskia Sassen, Professore, Columbia University, New York City (USA)

Scott Lucas, Editor, EA WorldView e Professore Emerito, Università di Birmingham (Regno Unito)

Scott Tokaryk, Berlino (Germania)

Sébastien Guex, Professore, Università di Losanna ed ex membro, Consiglio comunale di Losanna (Svizzera)

Seda Altuğ, Accademico, Istanbul (Turchia)

Sergio Viña, Valencia (Spagna)

Sevgi Dogan, Professore, Scuola Normale Superiore (Italia)

Seyla Benhabib, Eugene Meyer Professor of Political Science & Philosophy Emerita, Yale University (USA)

Shafie Chkair, Kuwait (Kuwait)

Shakuntala Banaji, LSE, University of London, (Regno Unito)

Shayna Silverstein, Chicago, IL (USA)

Sceriffo Tabba, Montréal (Canada)

Sherry Wolf, autrice / sindacalista, membro, Tempest Collective, New York City (USA)

Shintaro Mori, traduttore (Giappone)

Shireen Akram-Boshar, Democratic Socialists of America (USA)

Shirin Hakim, PhD Candidate presso Imperial College London (UK)

Silvia Carenzi, PhD Candidate, Scuola Normale Superiore (Italia)

silvia carneiro Garcia, Lima (Perù)

Simon Assaf, Editor,  al-Manshour , Londra / Beirut (Regno Unito / Libano)

Simon Pearson, Anti * Capitalist Resistance (Regno Unito)

Simone Jeger (Svizzera)

Sina Zekavat, Global Prison Abolition Coalition (USA)

Siobhan O’Brien, Dublino (Irlanda)

Sonali Kolhatkar, giornalista multimediale (USA)

Songül Deniz (Germania)

Soraya Misleh, giornalista (Brasile)

Souad Labbize“ Toulouse ((Francia)

Stacy Brown, Direttore, Refugees Forward (USA)

Staffan Olofsson (Svezia)

Stanley Heller, Presentatore,  The Struggle  Video News (USA)

Stefan Zgliczyński, autore ed editore (Polonia)

Stéfanie Prezioso, accademica, Università di Losanna e membro del Parlamento svizzero, Ensemble à Gauche (Svizzera)

Stephen Donahue, Toronto (Canada)

Stephen Hastings-King, PhD, scrittore, Greater Boston (USA)

Stephen R. Shalom, William Paterson University, New Jersey (USA)

Stephen Soldz, Coalition for an Ethical Psychology (USA)

Stephen Zunes, Professore di Politica e Studi Internazionali, Università di San Francisco (USA)

Steven Heydemann, Direttore, Program in Middle East Studies, Smith College (USA)

Subir Sinha, Senior Lecturer, SOAS, University of London (UK)

Sue Dalot, Bronx, NY (USA)

Sue Sparks, Unite (Regno Unito)

suha sibany, Parigi (Francia)

Sukla Sen, attivista per la pace, (India)

Sumit Sarkar, storico, (India)

Susan Nussbaum, scrittrice (USA)

Susanna Sillanpää, Helsinki (Finlandia)

Suzi Weissman, Professore di Politica, Saint Mary’s College of California (USA)

Swati Birla, Università del Massachusetts Amherst (USA)

Sylvia Arnstein, Champaign, IL (USA)

Tachibana Sara, Osaka-shi (Giappone)

Talib Al Ali, Mississauga (Canada)

Tanika Sarkar, storico, (India)

Tanya Monforte, candidata DCL, McGill University (Canada)

Tasnim Sammak“ Palestinese, PhD Candidate, Melbourne ((Australia))

Tassos Anastassiadis, giornalista (Grecia)

Terry Burke, Comitato di solidarietà con il popolo siriano – CISPOS (USA)

Il Rev.David W. Good, Ministro emerito, The First Congregational Church of Old Lyme, Connecticut (USA)

Theo Horesh, scrittore e giornalista freelance (USA)

Therese Rickman Bull, sostenitrice / difensore indipendente dei diritti umani (USA)

Thomas Harrison, membro del comitato editoriale, New Politics  (USA)

Tim Bates, Vinton, VA (USA)

Tim Hall, Communist Voice Organization USA)

Tim Leadbeater, insegnante (Aotearoa / Nuova Zelanda)

Timothy Gibran, Stoccolma (Svezia)

Tory Whall, Salt Lake City, UT (USA)

Toufic Haddad, accademico e autore (Palestina)

Tristan Sloughter, Socialisti Democratici d’America, Larkspur, Colorado (USA)

Trond Revheim, Asker (Norvegia)

Vahid Yücesoy, PhD Candidate, Università di Montreal (Canada)

Vicken Cheterian, docente universitario di storia e IR, Università di Ginevra, Webster University di Ginevra (Svizzera)

Vincent Commaret, Cantautore (Francia)

Vivek Sundara, attivista sociale, (India)

Vivian O’Dell, ricercatrice, University of Wisconsin Particle Astrophysics Center (USA)

Viviana Ferreras Lohe, Zamora (Spagna)

  1. JT Mitchell, Senior Editor,  Critical Inquiry , Chicago (USA)

Wasim Khalili Göteborg (Svezia)

Wayne Heimbach, Evanston, IL (USA)

Wendy Pearlman, Professore, Northwestern University (USA)

William Flesch, Waltham, MA (USA)

Yamazaki Hideki, Tokyo, Giappone

Yasmin Fedda, regista e artista (Regno Unito)

Yossi Bartal, scrittore (Germania)

Younes Ajarrai, Caen (Marocco)

Zeenat Adam, Stratega delle relazioni internazionali, Stop the Bombing Campaign (Sud Africa)

Zhaleh Sahand, Houston, TX (USA)

Ziad Elmarsafy, Professore di Letteratura Comparata, King’s College London (UK)

Ziad Majed, Professore Associato, Università americana di Parigi (Libano / Francia)

Zulekha Dinath, autore (Sud Africa)

https://newpol.org/erasing-people-through-disinformation-syria-and-the-anti-imperialism-of-fools/?fbclid=IwAR3y8VxBl6kEWDWkdcLDV-UyB6Gn9P7tvLs23SajylTp04lOuKHufyr0c_c

Potrebbe piacerti anche Altri di autore