M. LOWY: PARIGI 1871 LES TEMPS DES CERISES

di Michael Lowy

Il 18 marzo 1871, a Parigi assediata dalle truppe prussiane, il popolo prese il controllo della propria città e per 72 giorni condusse il primo esperimento di vita sotto il controllo popolare.

1. La tradizione degli oppressi

C’è un muro al cimitero di Père Lachaise a Parigi, noto come “Le Mur des Fédérés”. Fu lì che gli ultimi combattenti della Comune di Parigi furono fucilati nel maggio 1871, dalle truppe di Versailles. Ogni anno migliaia – e talvolta, come nel 1971, decine di migliaia – di francesi, ma anche di tutto il mondo, visitano questo glorioso luogo della memoria del movimento operaio. Vengono singolarmente o in dimostrazione, con bandiere rosse o fiori, e talvolta cantano una vecchia canzone d’amore, che è diventata la canzone dei Comunardi: “Le Temps des Cerises”. Non rendiamo omaggio a un uomo, ad un eroe o ad un grande pensatore, ma ad una folla di persone anonime che ci rifiutiamo di dimenticare.

Come diceva Walter Benjamin nelle sue tesi “Sul concetto di storia” (1940), la lotta per l’emancipazione è condotta non solo in nome del futuro ma anche in nome delle generazioni sconfitte; la memoria degli antenati ridotti in schiavitù e delle loro lotte è una delle grandi fonti di ispirazione morale e politica per il pensiero e l’azione rivoluzionaria. La Comune di Parigi fa quindi parte di quella che Benjamin chiama “la tradizione degli oppressi”, cioè di quei momenti privilegiati (“messianici”) della storia in cui le classi inferiori sono riuscite, almeno per un po’, a rompere la continuità della storia, la continuità dell’oppressione; brevi – troppo brevi – periodi di libertà, emancipazione e giustizia che, ogni volta, serviranno da punti di riferimento ed esempi per nuove battaglie. Dal 1871 ha continuato a nutrirsi la riflessione e la pratica dei rivoluzionari, a cominciare da Marx stesso – così come Bakunin – e poi, nel ventesimo secolo, Trotsky e Lenin.

2. Marx e la Comune del 1871

Nonostante i loro disaccordi all’interno della Prima Internazionale, marxisti e libertari lavorarono insieme fraternamente a sostegno della Comune di Parigi, questo primo grande tentativo di “potere proletario” nella storia moderna. Certamente, le rispettive analisi di Marx e Bakunin su questo evento rivoluzionario erano agli antipodi. Possiamo riassumere le tesi del primo nei seguenti termini: “Il gruppetto di convinti socialisti che ha partecipato alla Comune si trovava in una posizione molto difficile…. Hanno dovuto istituire un governo e un esercito rivoluzionari contro il governo e l’esercito di Versailles”. Di fronte a questa lettura della guerra civile in Francia, che contrappone due governi e due eserciti, il punto di vista antistatale del secondo è stato abbastanza esplicito: “La Comune di Parigi è stata una rivoluzione contro lo Stato stesso, questo essere soprannaturale della società”.

Lettori attenti e colti avranno fatto da soli la dovuta correzione: la prima opinione è quella di … Bakunin nel suo saggio “La Comune di Parigi e l’idea dello Stato”. Mentre la seconda è una citazione di … Marx, nella sua prima versione de “La guerra civile in Francia, 1871”. Abbiamo volutamente intorbidito le acque, per mostrare che le differenze – certamente molto reali – tra Marx e Bakunin, marxisti e libertari, non sono così semplici ed evidenti come si pensa.
Inoltre, Marx si rallegrava del fatto che, durante gli eventi della Comune, i “proudhoniani” avessero dimenticato le tesi del loro maestro, mentre certi libertari osservavano con piacere che gli scritti di Marx sulla Comune abbandonavano il centralismo a favore del federalismo.
Marx aveva proposto, come slogan politico centrale dell’Associazione Internazionale dei Lavoratori – la Prima Internazionale – questa formula che ha inscritto nel discorso inaugurale dell’AIL nel 1864: “L’emancipazione delle classi lavoratrici deve essere conquistata dalle stesse classi lavoratrici”. Se la Comune del 1871 appariva così importante ai suoi occhi, è proprio perché è stata la prima manifestazione rivoluzionaria di questo principio fondante della classe operaia moderna e del movimento socialista.

La Comune, come Marx scrisse nel “Indirizzo in nome della Prima Internazionale” nel 1871, “La guerra civile in Francia” (e negli avvisi di preparazione), non era il regime di un partito o di un gruppo, ma “in sostanza il governo della classe operaia”, Un “governo del popolo da parte del popolo”, cioè “la ripresa da parte del popolo e per il popolo della propria vocazione sociale”. Per questo, non era sufficiente “conquistare” l’apparato statale esistente: era necessario “romperlo” e sostituirlo con un’altra forma di potere politico, come fecero i comunardi, con il loro primo decreto: l’abolizione dell’esercito permanente e la sua sostituzione con le popolo armato. Ecco cosa scrisse Marx in una lettera al suo amico Kugelman il 17 aprile 1871, quindi durante le prime settimane della Comune: “Se guardi l’ultimo capitolo del mio Diciottesimo Brumaio, scoprirai che dico che il prossimo tentativo della rivoluzione francese non sarà più tesa, come prima, a trasferire da una mano all’altra la macchina burocratico-militare, ma a distruggerla, e questo è essenziale per ogni vera rivoluzione popolare nel continente. Ed è questo che stanno tentando i nostri eroici compagni del Partito a Parigi ” [1]

Ciò che sembrava a Marx decisivo non era solo la legislazione sociale della Comune – alcune misure di cui, come la trasformazione delle fabbriche abbandonate dai loro proprietari in cooperative operaie, avevano una dinamica socialista – ma soprattutto il suo significato politico come “potere dei lavoratori”. Come scrisse nel Discorso del 1871, “questa nuova Comune, che spezza il potere dello Stato moderno” era opera di “semplici lavoratori” che “per la prima volta osarono violare il privilegio governativo dei loro “superiori naturali“”.  [2]

La Comune non era né un complotto né un improvviso attacco a sorpresa, era “il popolo che agiva per sé stessi e da loro stessi”. Il corrispondente del Daily News ha scoperto che non vi era alcun leader che esercitasse “l’autorità suprema”, il che richiede un commento ironico di Marx: “Sconvolge il borghese che ha sempre un immenso bisogno di idoli politici e di ‘grandi uomini’”.

Mentre gli attivisti della Prima Internazionale hanno svolto un ruolo importante negli eventi, la Comune non può essere spiegata con l’intervento di un gruppo d’avanguardia. In risposta alle calunnie della reazione, che presentavano la rivolta come una cospirazione ordita dall’IWA, Marx scrisse: “La mente borghese sempre tinta da toni polizieschi si immagina naturalmente che l’Associazione Internazionale dei Lavoratori agisce alla maniera di una cospirazione segreta, corpo centrale che ordina, di volta in volta, rivolte in diversi paesi. La nostra Associazione, infatti, non è altro che il legame internazionale tra i lavoratori più avanzati nei vari paesi del mondo civilizzato. Ovunque, in qualunque forma e in qualunque condizione la lotta di classe ottenga una qualche consistenza, è del tutto naturale che i membri della nostra Associazione, debbano stare in primo piano “. [3]

Se Marx parla a volte di lavoratori e talvolta di “popolo”, è perché sapeva che la Comune non era solo opera della classe proletaria in senso stretto, ma anche di settori della classe media impoverita, intellettuali, donne di vari strati sociali, studenti e soldati, tutti uniti attorno alla bandiera rossa e al sogno di una repubblica sociale. Per non parlare dei contadini, assenti dal movimento, ma senza il cui appoggio la rivolta parigina potrebbe solo fallire.

Un altro aspetto della Comune su cui Marx insiste è il suo carattere internazionalista. Certamente, il popolo di Parigi si ribellò nel 1871 contro i politici borghesi che avevano capitolato e che si stavano riconciliando con Bismarck e l’esercito prussiano. Ma questo sussulto nazionale non prese in alcun modo una forma nazionalista; non solo per il ruolo dei militanti della sezione francese della Prima Internazionale, ma anche perché la Comune faceva appello ai combattenti di tutte le nazioni. La solidarietà dell’Associazione Internazionale dei Lavoratori e gli incontri a sostegno della Comune tenutesi a Breslavia e in altre città tedesche, su iniziativa dei lavoratori socialisti, sono l’espressione di questa essenza internazionalista della rivolta del popolo parigino. Come scrisse Marx in una risoluzione adottata da una riunione per celebrare l’anniversario della Comune nel marzo 1872, i Comunardi erano “l’eroica avanguardia … dell’esercito minaccioso del proletariato universale”.

Esiste, secondo Walter Benjamin nelle sue Tesi del 1940, una costellazione unica tra un momento presente nella lotta degli oppressi e un preciso evento del passato, un’immagine unica di questo passato che rischia di scomparire se non viene riconosciuta. Questo è ciò che accadde durante la rivoluzione russa del 1905. Solo Leon Trotsky vide la costellazione tra la Comune del 1871 e la lotta dei Soviet russi nel 1905: nella sua prefazione, scritta nel dicembre 1905, all’edizione russa degli scritti di Marx sul la Comune, osserva che l’esempio del 1871 mostra che “è possibile che gli operai salgano al potere in un paese economicamente arretrato prima che in un paese avanzato”. Tuttavia, una volta al potere, i lavoratori russi saranno condotti, come quelli nella Comune, ad adottare misure che combinino la liquidazione dell’assolutismo con la rivoluzione socialista.

Nel 1905-1906, Trotsky era piuttosto isolato nella difesa del modello del 1871 per la rivoluzione russa. Persino Lenin, nonostante le sue critiche alla tattica menscevica di sostenere la borghesia anti-zarista, si rifiutò di considerare la Comune come un esempio per il movimento operaio in Russia. Nella sua opera del 1905, “Due tattiche della socialdemocrazia”, criticava la Comune di Parigi per aver confuso gli obiettivi della lotta per la repubblica con quelli della lotta per il socialismo; per questo motivo, era una forma di governo che non avrebbe assomigliato a quella del futuro governo democratico rivoluzionario russo.

Le cose sarebbero andate ben diversamente nel 1917. Con le “Tesi di aprile” Lenin prese la Comune di Parigi come modello per la Repubblica dei Soviet che propose come obiettivo per i rivoluzionari russi, proprio perché aveva realizzato la necessità della fusione dialettica tra la lotta per una repubblica democratica e la lotta per il socialismo. Questa idea sarebbe stata ampiamente sviluppata anche in “Stato e rivoluzione” e in tutti gli altri scritti di Lenin durante l’anno 1917. L’identificazione con i comunardi era così forte che, secondo i resoconti dei suoi contemporanei, Lenin aveva orgogliosamente celebrato il giorno in cui – solo pochi mesi dopo l’ottobre 1917 – Il potere dei Soviet era riuscito a resistere un giorno in più rispetto alla Comune del 1871.

La rivoluzione d’Ottobre è quindi un esempio lampante di questa idea proposta da Walter Benjamin nelle sue Tesi: ogni vera rivoluzione non è solo un salto verso il futuro, ma anche “un salto di tigre nel passato”, un salto dialettico verso un momento nel passato carico di “tempo presente” (Jetztzeit). Come Marx ed Engels, Lenin e Trotsky hanno criticato alcuni errori politici o strategici della Comune: per esempio, non prendere i soldi dalla Banca di Francia, non attaccare Versailles, aspettare il nemico nelle barricate di ogni quartiere. Tuttavia, hanno riconosciuto in questo evento un momento senza precedenti nella storia moderna, il primo tentativo di “assaltare i cieli”, la prima esperienza di emancipazione sociale e politica delle classi oppresse.

3. L’importanza della Comune di Parigi nel XXI secolo

Ogni generazione ha la sua lettura, la sua interpretazione della Comune del 1871, secondo la sua esperienza storica, le esigenze della sua lotta attuale, le aspirazioni e le utopie che la motivano. Quale sarebbe la sua rilevanza oggi, dal punto di vista della sinistra radicale e dei movimenti sociali e politici dell’inizio del XXI secolo, dagli zapatisti del Chiapas al “movimento dei movimenti”, il movimento per la giustizia globale?
Naturalmente, la stragrande maggioranza dei militanti e degli attivisti oggi sa poco della Comune. Ci sono tuttavia alcune affinità e risonanze tra l’esperienza della primavera parigina del 1871 e le lotte di oggi che meritano di essere evidenziate:

a) La Comune era un movimento di autoemancipazione, auto-organizzazione e iniziativa dal basso. Nessun partito ha cercato di prendere il posto delle classi popolari, nessuna avanguardia ha voluto “prendere il potere” al posto degli operai. I militanti della sezione francese della Prima Internazionale sono stati tra i più attivi sostenitori della rivolta popolare, ma non hanno mai voluto imporsi come autoproclamata “direzione” del movimento, non hanno mai tentato di monopolizzare il potere, o emarginare altre correnti politiche. I rappresentanti della Comune erano eletti democraticamente nei quartieri e sottoposti al controllo permanente della loro base popolare.

b) In altre parole: la Comune del 1871 era un movimento pluralista e unitario, al quale parteciparono tutti i sostenitorii di Proudhon o (più raramente) di Marx, libertari e giacobini, blanquisti e “repubblicani sociali”. Certo, c’erano dibattiti e differenze, a volte anche scontri politici negli organi democraticamente eletti della Comune. Ma in pratica agivano in comune, si rispettavano a vicenda, focalizzavano il fuoco sul nemico e non sul compagno in lotta con il quale potevano aver avuto disaccordi. I dogmi ideologici di ciascuno contavano meno degli obiettivi comuni: l’emancipazione sociale, l’abolizione dei privilegi di classe. Come lo stesso Marx ha riconosciuto, i giacobini hanno dimenticato il loro centralismo autoritario, e i proudhoniani i loro principi “antipolitici”.

c) Come abbiamo visto sopra, era un movimento autenticamente internazionalista , con la partecipazione di combattenti di diversi paesi. La Comune ha eletto un rivoluzionario polacco (Dombrowicz) alla guida della sua milizia; un operaio ungherese-tedesco (Leo Frankel) era commissario del lavoro. Certo, la resistenza all’occupazione prussiana ha giocato un ruolo decisivo nell’innescare la Comune, ma l’appello degli insorti francesi al popolo e alla socialdemocrazia tedesca, ispirato dall’utopia degli “Stati Uniti d’Europa” testimonia questa coscienza internazionalista .

d) Nonostante il peso del patriarcato nella cultura popolare, la Comune si è distinta per la partecipazione attiva e combattiva delle donne. La militate libertaria Louise Michel e la rivoluzionaria russa Elisabeth Dmitrieff sono tra le più note, ma migliaia di altre donne – designate con rabbia e odio come “pétroléuses” dai reazionari di Versailles – presero parte ai combattimenti dell’aprile-maggio 1871. Il 13 Aprile, i delegati dei cittadini inviarono al Comitato Esecutivo della Comune un indirizzo in cui affermava la volontà di molte donne di partecipare alla difesa di Parigi, considerando che: “La Comune, rappresentante del grande principio che proclama l’annientamento di tutti i privilegi, di tutte le disuguaglianze, allo stesso tempo si impegna a tenere conto delle giuste richieste dell’intera popolazione, senza distinzione di sesso – una distinzione creata e mantenuta dal bisogno di antagonismo su cui poggiano i privilegi delle classi dominanti ”. L’appello venne firmato dalle delegate, membri del Comitato centrale delle donne cittadine: Adélaïde Valentin, Noëmie Colleville, Marcand, Sophie Graix, Joséphine Pratt, Céline Delvainquier, Aimée Delvainquier, Elisabeth Dmitrieff.

e) Senza un preciso programma socialista, le misure sociali della Comune – per esempio, il passaggio agli operai delle fabbriche abbandonate dai loro padroni – avevano una dinamica radicale anticapitalista.
È evidente che le caratteristiche delle rivolte popolari del nostro tempo – per esempio, la rivolta zapatista del 1994, quella popolare di Buenos Aires nel 2001, quella che ha sconfitto il tentativo di colpo di stato anti-Chavez in Venezuela nel 2002, o quella contro il criminale presidente Pinera in Cile nel 2019 – per citare solo alcuni esempi recenti dell’America Latina, sono molto diversi da quelli della Parigi ribelle del 1871. Ma molti aspetti di questo primo tentativo di emancipazione sociale degli oppressi mantengono una rilevanza sorprendente e dovrebbe far riflettere le nuove generazioni. Senza la memoria del passato e delle sue lotte non ci sarà una lotta per l’utopia del futuro.

NOTE
[1]  https://www.marxists.org/archive/marx/works/1871/letters/71_04_12.htm
[2]  https://www.marxists.org/archive/marx/works/1871/civil-war-france/ch05.htm
[3]  https://www.marxists.org/archive/marx/works/1871/civil-war-france/ch06.htm

Tratto da: www.intenationalviewpoint.org

Sempre di Michael Lowy sulla Comune vedi: “La Comune: marxisti ed anarchici,”

Potrebbe piacerti anche Altri di autore