LE RIVOLTE ARABE TRA CRISI PANDEMICA E PETROLIFERA

di Gilbert Achcar 

In questa intervista, a cura di Ashley Smith, Gilbert Achcar* discute in che modo la guerra dei prezzi dei paesi esportatori di petrolio del Medio Oriente ha avuto un impatto sul mondo, le azioni rivoluzionarie in corso che potrebbero sfociare in una “seconda primavera araba” e in che modo la sinistra americana deve far rivivere il vero significato dell’internazionalismo. 

Ashley Smith: Quale sarà l’impatto della pandemia e della recessione globale sul Medio Oriente e sul Nord Africa?

Gilbert Achcar: C’è un tipo di impatto che la regione condividerà con il resto del mondo. Questa è, ovviamente, la grande crisi economica che si sta svolgendo e che è già molto al di là di qualsiasi cosa il mondo abbia visto dalla Grande Depressione degli anni ’30.

Ma c’è qualcosa di specifico nella regione, ovvero petrolio e gas naturale. La regione è sostanzialmente dipendente economicamente da queste risorse. Il loro prezzo è crollato al punto da  scendere sotto lo zero negli Stati Uniti per un breve periodo; i venditori di petrolio pagavano gli acquirenti per prendere il loro petrolio, perché non avevano più spazio per conservarlo.

I leader dell’Arabia Saudita hanno contribuito a creare questo disastro quando hanno lanciato la loro cosiddetta guerra dei prezzi del petrolio all’inizio di marzo proprio mentre la crisi del coronavirus stava colpendo. La combinazione della loro sovrapproduzione e della contrazione della domanda tra la pandemia e la recessione ha prodotto questo enorme eccesso di petrolio e il conseguente crollo del suo prezzo.

Naturalmente, il prezzo alla fine si riprenderà dal livello abissale che ha raggiunto, ma rimarrà basso perché la domanda è depressa a causa della chiusura dell’economia durante la pandemia. Ciò avrà un impatto economico devastante su tutti i paesi della regione.

Ciò vale non solo per i paesi esportatori di petrolio, ma anche per altri paesi della regione. Anche loro dipendono dalle entrate petrolifere sotto forma di sovvenzioni e investimenti nelle loro economie da parte dei paesi ricchi di petrolio.

Ma l’impatto non sarà lo stesso su tutti. I paesi ricchi di petrolio con popolazioni piccole o relativamente piccole come l’Arabia Saudita attueranno alcune misure di austerità, ma hanno enormi riserve finanziarie cui attingere.

I paesi esportatori di petrolio con grandi popolazioni come l’Iran, l’Iraq e l’Algeria dovranno affrontare problemi molto più grandi. Le loro economie sono molto più deboli, hanno riserve finanziarie molto più ridotte e saranno costrette a mettere in atto misure di austerità severe, con ulteriori esplosioni di collera delle popolazioni che nell’ultimo anno hanno già fatto rivolte di massa.

Tutti gli altri paesi della regione che dipendono dai produttori di petrolio subiranno gravi crisi. Saranno improvvisamente privati del denaro del Golfo, questo ha aiutato economie come l’Egitto a rimanere a galla, aumentando così l’austerità e la povertà. Quindi, l’intera regione sta affrontando una crisi sociale ed economica ancora più profonda di quella che si è verificata nell’ultimo decennio.

A.S. Qual è stato finora l’impatto della pandemia nella regione?

G.A. Non è stato così apocalittico come molti temevano, almeno finora. Alcuni paesi ricchi come gli Emirati Arabi Uniti e il Qatar hanno i mezzi per affrontare la pandemia. Si prendono cura di alcune fasce della popolazione ma non di altre, in particolare della lavoratori immigrati.

Questi migranti vivono già in condizioni spaventose e potrebbero essere devastati dalla pandemia se il virus si diffondesse tra loro. Ma il resto della popolazione sarà più isolato poiché godrà di condizioni simili a quelle dei paesi del Nord del mondo, se non migliori.

Al contrario, se il virus si diffondesse in paesi come l’Egitto o l’Iraq, per non parlare dello Yemen, dove le condizioni per la maggior parte della popolazione sono pessime, potrebbe avere un impatto terribile. L’Iran è già stato gravemente colpito e la Turchia lo è a sua volta.

A.S. Che cosa comporterà la pandemia e il crollo dei prezzi del petrolio per l’equilibrio geopolitico del potere nella regione?

G.A. I paesi del Golfo ricchi di petrolio come l’Arabia Saudita hanno enormi riserve finanziarie. Quindi, non soffriranno troppo di una battuta d’arresto nella loro influenza regionale. Al contrario, l’Iran e la sua influenza saranno gravemente colpiti. Sta già soffrendo per le sanzioni statunitensi, che hanno notevolmente aggravato le conseguenze della pandemia e del crollo dei prezzi del petrolio.

La guerra petrolifera saudita ha colpito pesantemente l’economia dell’Iran, come era intenzione di Riyadh per cominciare. La combinazione di tutto ciò sull’Iran è catastrofica. La sua capacità di consolidare la sua influenza regionale nei suoi avamposti in Iraq, Siria e Libano sarà gravemente ridotta.

Dietro l’Arabia Saudita ci sono gli Stati Uniti, e la loro capacità combinata di plasmare geopoliticamente la regione è molto più grande dell’Iran e dei suoi esitanti amici, Russia e Cina, che sono molto meno in grado di influenzare gli eventi.

Ma tutte le grandi potenze e quelle regionali devono affrontare grossi problemi posti dalla crisi. E, se la lotta ritorna mentre la pandemia si attenua, l’iniziativa potrebbe essere nuovamente presa dalle forze popolari.

A.S. Discutiamo dello stato della lotta dal basso. Nell’ultimo anno abbiamo assistito a una nuova ondata di rivolte che molti chiamano una “seconda primavera araba”. Qual è ora stato della lotta?

G.A. L’anno scorso abbiamo assistito a  un’ondata globale di resistenza dall’America Latina al Medio Oriente e dal Nord Africa a Hong Kong. Tutte queste lotte sono state sospese dalla pandemia.

A Hong Kong, il governo e Pechino hanno approfittato di questa situazione per reprimere il movimento. In Medio Oriente e Nord Africa, la storia è la stessa. In Algeria, le massicce manifestazioni settimanali si sono fermate e ci sono stati arresti. Anche in Sudan, Libano e Iraq la lotta è stata sospesa.

La pandemia ha permesso agli Stati di imporre blocchi, non per motivi medici, ma per ragioni politiche. Erano felici di farlo, a differenza di Donald Trump negli Stati Uniti o di Jair Bolsonaro in Brasile, non perché si preoccupassero di più della salute delle persone, ma perché così coglievano l’opportunità di porre fine alle proteste sociali.

Una volta terminata la pandemia, dovremo aspettarci una ripresa della lotta su scala ancora maggiore a causa del peggioramento della crisi sociale. Già ora è iniziata una ripresa del movimento sia in Libano che in Iraq. Le persone in Libano sono state spinte a farlo dal crollo dell’economia. Non possono più permettersi di soddisfare i loro bisogni di base come il cibo.

A.S. Il Sudan è stato uno dei paesi chiave  nell’ultimo anno di rivolta  . Come si presenta la situazione oggi?

G.A. È in uno stato fluido come lo è dallo scorso luglio, quando il movimento ha raggiunto un compromesso su un accordo transitorio con i militari. Questo accordo ha creato quella che definirei una dualità di poteri tra il movimento popolare e l’esercito, entrambi coesistenti all’interno dello stesso Stato. Ma questa è solo una fase tesa e provvisoria; finirà necessariamente con la vittoria di una delle due parti, i militari o il movimento.

I militari hanno tentato di approfittare del congelamento della lotta per bloccare l’attuazione di alcune concessioni chiave che hanno dovuto fare. Certo, possono tentare qualcosa come un colpo di Stato. Ma il movimento popolare sfiderà qualsiasi tentativo simile, riportando il paese di nuovo allo scontro aperto tra le masse e l’esercito.

A.S. Quali sono le radici delle persistenti ondate di lotta nella regione? Che cosa fa parte del modello generale di rivolta globale a cui abbiamo assistito e che cosa è particolare per l’economia politica del Medio Oriente e del Nord Africa?

G.A. Il neoliberismo ha avuto un impatto comune in tutto il mondo, ma esistono anche specificità regionali e nazionali. A livello globale, la spinta neoliberista alla privatizzazione, alla deregolamentazione e all’internazionalizzazione ha aumentato le disuguaglianze sociali e smantellato le reti di stato sociale. Tutto ciò ha provocato una resistenza irregolare ma mondiale.

Ma, come sostengo fin dalla primavera araba del 2011, la regione del Medio Oriente e del Nord Africa si trova in una congiuntura specifica, distinta e rivoluzionaria a causa dell’interazione tra il neoliberalismo globale, la natura assolutista specifica di molti Stati della regione e la loro dipendenza economica dal petrolio.

Questa combinazione ha prodotto un blocco strutturale nello sviluppo economico. I regimi negano la libertà alla loro gente, fanno affidamento sulla rendita proveniente dal petrolio e gas e il denaro privato non si riversa nello sviluppo economico ma in investimenti speculativi.

Tutto ciò ha reso l’impatto del neoliberismo molto più grave che altrove nel mondo. Ad esempio, la regione detiene da molti anni il tasso di disoccupazione giovanile più elevato al mondo. Sono impedite tutte le alternative per cambiare questa situazione attraverso elezioni democratiche.

Non puoi cacciare via il governo tramite il voto popolare, cambiare l’ equipe governativa e modificate le politiche come invece è possibile fare in Europa o negli Stati Uniti. Questa è la ragione per la quale le sollevazioni/rivolte sono andate molto al di la delle proteste che hanno avuto luogo in paesi quali il Cile, la Spagna o la Grecia. .

Il Medio Oriente e il Nord Africa sono entrati in un processo rivoluzionario a lungo termine. A parte una radicale trasformazione dell’intera struttura sociale, economica e politica, l’area rimarrà in profonda crisi.

A.S. Abbiamo attraversato due ondate di rivolta nella regione. Qual è il bilancio finora? E quali sono le lezioni del processo rivoluzionario?

G.A. In questo periodo, 10 paesi della regione hanno subito grandi rivolte. Sei nel 2011, altri quattro nel 2019 – quasi la metà dei paesi della regione ha vissuto rivolte massicce e sostenute.

Questa è un’onda d’urto rivoluzionaria a livello regionale, paragonabile a ciò che l’Europa ha assistito alla fine della prima guerra mondiale. Questa scala del processo dimostra che queste rivolte non sono la solita resistenza al neoliberismo.

Il movimento è maturato politicamente dalla prima ondata di rivolte alla seconda. Questo è tipico dei processi rivoluzionari a lungo termine come tutti gli altri che abbiamo visto nella storia. Attraversano una parabola di apprendimento: imparano sia le classi dominanti sia il movimento popolare.

Nella primavera araba del 2011, le forze fondamentaliste islamiche sono state protagoniste. Hanno rappresentato una parte importante dell’opposizione alle dittature e quando iniziarono le rivolte, sono saltate sul carro e cercarono di dirottare le rivolte per i loro scopi reazionari.

Sfortunatamente, ci riuscirono in diversi paesi, emarginando le forze progressiste che non erano sufficientemente organizzate e indipendenti per fornire un’alternativa politica. Di conseguenza, abbiamo assistito a uno scontro tra due poli controrivoluzionari: i vecchi regimi, da un lato, e i fondamentalisti islamici, dall’altro.

In alcuni paesi, ciò ha assunto forme tragiche e sanguinose: guerre civili. A livello regionale, la fase rivoluzionaria iniziale si è trasformata in una fase controrivoluzionaria a partire dal 2013. Da allora, i vecchi regimi sono riusciti a ripristinare il loro potere nella regione in Siria ed Egitto, e in parte in Tunisia.

A.S. Come è riemerso il movimento? In che cosa la nuova ondata di rivolte differisce dalla prima?

G.A. Il movimento non è mai completamente scomparso. Nonostante la battuta d’arresto nel 2013, il processo rivoluzionario è continuato con episodiche esplosioni sociali in tutta la regione, dal Marocco alla Tunisia, al Sudan, all’Iraq e alla Giordania. Quindi, a partire da dicembre 2018 in Sudan, è iniziata una nuova ondata di rivolte che si è diffusa in Algeria, Iraq e Libano. I media hanno soprannominato questa la seconda primavera araba.

In questa nuova fase, le forze fondamentaliste islamiche che erano così importanti nella prima fase non hanno avuto alcun ruolo. In Sudan, erano originariamente allineate con la dittatura. In Iraq e in Libano, le forze fondamentaliste alleate dell’Iran sono in realtà un obiettivo principale delle rivolte.

In Algeria, una parte dei fondamentalisti ha collaborato con il regime e il movimento non ha permesso loro di svolgere alcun ruolo. Sfortunatamente, tuttavia, nessuna forza progressista è stata in grado di intervenire per indicare una via più avanzata a livello nazionale.

Riguardo alla domanda di un’alternativa progressista, il Sudan sta dando l’esempio per il resto della regione. Ha ottenuto i risultati più avanzati tra i 10 paesi che sono stati attraversati da grandi rivolte.

A.S. Cosa hanno fatto le forze progressiste in Sudan per distinguersi?

G.A. Hanno costruito un movimento organizzato che opera su più livelli. Al fondo, ci sono organizzazioni di base in ogni quartiere. Questi coinvolgono migliaia di giovani, per la maggior parte non affiliati ai partiti politici ma radicalizzati attraverso la rivoluzione di cui costituiscono la forza trainante. Sono la sua coscienza critica, motivo per cui sono desiderosi di preservare la loro autonomia locale e rifiutare il centralismo.

Questi comitati hanno delegato il diritto di rappresentare il movimento popolare ad una coalizione di associazioni professionali che si era formata clandestinamente prima della rivolta, composta da medici, avvocati, giornalisti, insegnanti e professori.

L’Associazione dei professionisti sudanesi ha svolto un ruolo di coordinamento e centralizzazione delle lotte a livello nazionale. È entrato in una coalizione con partiti politici per formare un fronte unito dell’opposizione alla dittatura, costringendolo a un accordo transitorio di condivisione del potere. Questa è la situazione attuale del dualismo di poteri che ho descritto prima.

Il Sudan mostra quindi il tipo di organizzazione che serve a un movimento popolare progressista per ottenere importanti conquiste. Ciò non significa che il movimento abbia raggiunto la vittoria finale; tra il movimento e la dittatura rimane una tesa situazione di stallo.

A.S. Infine, quali sono le lezioni più importanti per la sinistra della regione? E quale dovrebbe essere la posizione della sinistra internazionale in relazione a queste lotte?

G.A. Esistono due tipi di lezioni. Innanzitutto, dalla regione si possono trarre lezioni generali per tutti i movimenti progressisti. L’esempio del Sudan nella costruzione di un polo di lotta progressista di massa è utile per tutti in tutto il mondo. Immagina se il movimento nato intorno al senatore Bernie Sanders potesse prendere la forma che abbiamo visto in Sudan con i comitati di quartiere di base attivi in tutto il paese!

La seconda lezione principale riguarda l’internazionalismo. La primavera araba ha messo a confronto la sinistra internazionale e lo ha messo alla prova, se avrebbe resistito ai regimi o al movimento popolare in paesi i cui regimi erano in cattivi rapporti con Washington. Questa è stata una sfida per alcuni settori della sinistra che sono abituati al pensiero binario solo attraverso la lente imperialista/antimperialista.

Le rivolte hanno sfidato questo quadro. Si sono sviluppate sia contro i regimi sostenuti dagli Stati Uniti, come l’Egitto, la Tunisia o il Bahrein, sia contro altri in contrasto con gli Stati Uniti, come la Libia o la Siria – questi ultimi sostenuti dalla Russia, un’altra potenza imperialista.

Troppe persone hanno affermato di essere di sinistra negli Stati Uniti e hanno appoggiato il regime siriano perché si è opposto al governo degli Stati Uniti e si sono rifiutati di estendere la solidarietà con la rivoluzione siriana, anche nella sua fase iniziale di massa. Hanno continuato a difendere il regime nonostante tutte le atrocità commesse. Ironia della sorte, lo hanno fatto in nome dell’antimperialismo, quando il regime siriano era in realtà sostenuto da un’altra potenza imperialista, la Russia, che è stata profondamente coinvolta nei massacri in Siria.

Ciò non ha alcuna relazione con l’internazionalismo, che è soprattutto la solidarietà tra gli sfruttati e gli oppressi. La sinistra dovrebbe sempre schierarsi con gli oppressi e gli sfruttati che lottano per la democrazia e la giustizia sociale, indipendentemente dal fatto che lo Stato con cui si stanno scontrando sia contrario o meno a Washington.

L’internazionalismo non ha mai appoggiato un imperialismo contro un altro; si è sempre trattato di una solidarietà tra un popolo oppresso e le classi lavoratrici al di là dei confini. Dobbiamo ravvivare questo profondo significato di internazionalismo.

* Gilbert Achcar è professore presso la SOAS University di Londra. I suoi libri più recenti sono Marxismo, Orientalismo, Cosmopolitismo (2013), The People Want (2013) e Morbid Symptoms: Relapse in the Arab Spring Uprising (2016).

Tratto da: www.truthout.org

Potrebbe piacerti anche Altri di autore