YEMEN UNA GUERRA TACIUTA

di Helen Lackner

La prima cosa che qualsiasi socialista, di qualsiasi tendenza, deve capire circa la guerra in Yemen è che nessuno dei leader di nessuna delle molte fazioni coinvolte ha degli obiettivi degni di essere sostenuti. L’ex presidente Ali Abdullah Saleh – il cleptocrate che governò in modo autarchico il paese per trentatré anni – si è alleato con gli Houthi, un movimento familiare di natura fondamentalista zaidita che ritiene che solo i discendenti del profeta abbiano il diritto di governare.

Questi combattono l’ex vice presidente di Saleh, Abdrabbuh Mansur Hadi, eletto del sud per attuare la transizione ad un “nuovo Yemen” dopo l’accordo del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC) del novembre 2011, che ha definito un processo di transizione democratica. Gli stati del GCC (Bahrain, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti) e la comunità internazionale hanno approvato e appoggiato questo accordo. Il regime di transizione è però crollato nel 2014, portando alla guerra civile e all’intervento della coalizione a guida saudita nel marzo 2015.

Cosa ha portato lo Yemen verso questo caos? Dopo tutto, il paese comprende l’ex Repubblica democratica popolare dello Yemen, l’unico Stato che ha avuto una natura socialista del mondo arabo. Negli anni settanta, l’altro stato yemenita, la Repubblica araba dello Yemen, aveva un forte movimento rurale basato sulla solidarietà comunitaria e tribale, che ha organizzato, finanziato e gestito iniziative di sviluppo. La Repubblica dello Yemen, nata nel 1990, è stata l’unica democrazia nella penisola araba. Nonostante dei limiti, ha avuto vere elezioni multipartitiche.

Nel 2011, lo Yemen ha avuto il più lungo e profondo movimento rivoluzionario della primavera araba , che si estese alle località più remote. Perché la transizione non è riuscita? Come è sprofondato il paese in una guerra civile? Cosa ha portato all’intervento militare esterno?

Le rivolte del 2011

Fino al 2010 il regime di Saleh si trovava di fronte a notevoli pressioni: una minore produzione di petrolio aveva tagliato il suo sistema di assistenza; la sua politica di gestione della popolazione – la classica strategia del “dividi ed impera” – stava venendo meno; la cricca dominante era crollata mentre Saleh combatteva per imporre il figlio come suo successore mentre altri pretendenti credevano che fosse arrivato il loro turno.

Il movimento separatista nel sud stava sviluppando e guadagnando un sostegno popolare nonostante la repressione armata. Allo stesso modo le guerre contro gli Houti nel nord est erano chiaramente impossibili da vincere, sebbene ci siano stati sei offensive dal 2004, una peggiore e più violenta dell’ultima.

La popolazione stava sperimentando un peggioramento della povertà: centinaia di migliaia di giovani, istruiti e non, si trovano di fronte alla disoccupazione. La rapida crescita della popolazione ha esercitato delle pressioni sulle istituzioni mediche e didattiche già limitate e sulle risorse naturali. La crisi di approvvigionamento dell’acqua ha colpito la produzione agricola e la sua gestione non regolamentata ha privato i piccoli proprietari dell’acqua dei loro pozzi superficiali, mentre i proprietari di terra più ricchi hanno scavato sempre più in profondità pozzi sempre più profondi.

In questo contesto, vale la pena ricordare che il 70% della popolazione dello Yemen vive nelle zone rurali e dipende dall’agricoltura, dalle coltivazione e dall’allevamento del bestiame. Il primo decennio del ventunesimo secolo, tuttavia, ha visto un passaggio dall’agricoltura al lavoro precario urbano che è diventato la principale fonte dei redditi delle famiglie rurali. Da città in città, gli uomini si sono riuniti alla ricerca di un’occupazione casuale, precaria e poco qualificata, dove le condizioni di vita sono influenzate anche dalla scarsità dell’acqua.

Le politiche di sviluppo economico in linea con le raccomandazioni del Washington Consensus hanno contribuito a questa situazione, favorendo le strategie del regime volte ad arricchire i pochi impoverendo i molti. La decisione del governo di tagliare i sussidi sui carburanti nel 2014 bene illustra questo progetto: il FMI e la Banca mondiale hanno promosso la soppressione di queste sovvenzioni, presumibilmente per risparmiare acqua; in pratica questo ha aumentato il costo della vita per la popolazione nel suo insieme e aumentato le operazioni dei contrabbandieri.

La sorpresa nel 2011, quindi, non era che la gente si era ribellata, ma che hanno aspettato così tanto tempo per farlo. Proteste e occupazioni si sono diffuse in tutto il paese e sono durate mesi prima di concludersi. Infatti, a Sana’a, la città più grande dello Yemen, la rivolta ha continuato fino al 2013.

I semplici cittadini, soprattutto i giovani e le donne, chiedevano la caduta del regime Saleh e la fine della corruzione e del nepotismo del suo regime. Volevano anche posti di lavoro, un’economia nazionale capace di beneficiare la popolazione nel suo insieme e una vera democrazia. I partecipanti erano spesso giovani – fatto non sorprendente in un paese in cui l’80% della popolazione è sotto i trentacinque anni.

La Tunisia ha avuto l’unica rivoluzione che si è conclusa positivamente nel 2011 perché le sue forze armate erano troppo deboli per intervenire. Il successo temporaneo dell’Egitto è venuto quando i militari decisero di abbandonare Mubarak, probabilmente perché non volevano che suo figlio non appartenente alla casta militare prendesse il suo posto. In Yemen, il movimento ha continuato per così lungo tempo perché i militari erano divisi.

Dopo il massacro di venerdì di Dignità il 18 marzo 2011 l’unità militare guidata dal rivale di Saleh, Ali Mohsen al Ahmar, alleato con il partito di opposizione Islah, si unì alla rivoluzione. Successivamente, hanno protetto i manifestanti dalle forze del regime. Questo ha prodotto una serie di conflitti armati tra le due parti nei mesi successivi, mentre i manifestanti della strada rimasero pacifici.

Vedendo l’incapacità da parte di Saleh di controllare la situazione, gli stati GCC, gli Stati Uniti e altri paesi del nord hanno deciso che il dittatore doveva andarsene. Ma le loro iniziative furono sconcertanti. Quando l’accordo GCC è stato finalmente firmato a novembre, fu permesso a Saleh di rimanere in Yemen e mantenere la sua posizione di capo del Congresso Generale del Popolo, l’entità politica il cui unico scopo era quello di mantenerlo al potere.

Il regime transitorio , che doveva portare la democrazia entro due anni, soffriva di una serie di difetti fondamentali: un governo paralizzato di unità nazionale, una riforma del settore della sicurezza che non aveva adottato alcuna riforma, una conferenza nazionale di dialogo incapace di soddisfare i suoi obiettivi e un comitato costituzionale la cui proposta ha innescato una guerra civile.

La guerra

Entro il 2014, il movimento degli Houti che aveva combattuto il regime di Saleh per sei anni, era diventato loro alleato. Uniti per la loro opposizione alla nuova costituzione – che proponeva di trasformare lo Yemen in uno stato federale con sei regioni – gli antichi nemici si sono violentemente opposto alla nuova eredità del partito islamista Islah Party. Mentre i loro militari si avvicinavano ad Aden e Hadi, il presidente transitorio fuggì in Arabia Saudita e chiese al GCC di intervenire e di riportarlo al potere.

Così, una coalizione guidata dall’Arabia Saudita ha iniziato gli attacchi aerei il 26 marzo 2015. In due anni ha lanciato oltre 90.000 attacchi aerei. La coalizione include tutti gli Stati del GCC, ad eccezione dell’Oman. L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, con la minor partecipazione del Qatar, la guidano. Il GCC ha anche reclutato stati vicini il cui interesse è quello di garantire un  continuo sostegno finanziario ai propri regimi.

Le forze UAE ricevono il sostegno diretto sul campo da varie milizie internazionali di mercenarie e gli Stati Uniti e il Regno Unito presumono che le forze aeree scelgano i propri obiettivi nel rispetto del diritto umanitario internazionale. Le prove evidenziano chiaramente l’efficacia di questo accordo, data la distruzione di centinaia di strutture mediche – tra cui quattro gestite dai medici senza frontiere – scuole , mercati , moschee , cerimonie matrimoniali e funerali .

Le forze di coalizione “liberarono” Aden nel mese di agosto 2015 e la maggior parte del sud del paese subito dopo, ma altrove hanno subito uno stallo. All’inizio del 2017, le forze governative hanno preso Mokha e al momento attuale, minacciano di attaccare Hodeida, il principale porto del paese.

Mentre alcuni ministri governativi si sono stanziati ad Aden, altri, tra cui il vicepresidente Ali Mohsen, hanno sede a Mareb. Il presidente Hadi ha passato solo 167 giorni in Yemen dei 607 giorni tra la liberazione di Aden e la fine di marzo 2017. Infatti, non ha alcun controllo significativo sulle aree liberate dove le amministrazioni funzionano solo attraverso accordi locali, se funzionano.

Le forze salafite gestiscono in gran parte la sicurezza nei governatorati meridionali; gli Emirati Arabi Uniti hanno addestrato, attrezzato e finanziato queste milizie. Essi affermano di rintracciare le cellule di Al Qaeda, ma soprattutto arrestano le persone associate a Islah, che l’UAE considera come il ramo nello Yemen della Fratellanza Musulmana e quindi in cima alla sua lista dei nemici.

Il disastro umanitario

A causa di  questa guerra, la gente sta già morendo di fame. Con solo 3% di terreno coltivabile, lo Yemen soffre per l’estrema scarsità di acqua. Solo due terzi dell’acqua consumabile del paese sono riconducibili alle precipitazioni annuali, il che significa che alcune falde acquifere saranno presto esaurite.

L’aumento della produzione agricola in futuro dipenderà da alcuni miglioramenti fondamentali, tra cui la ricerca sulle colture alimentate da pioggia e le misure atte ad affrontare il fenomeno dei cambiamenti delle piogge. Anche con questi sviluppi, lo Yemen non potrà diventare autosufficiente nei cereali di base. Se la crisi dell’acqua viene ignorata, la maggior parte del paese diventerà inadatto alla vita entro una generazione.

La coalizione ha mantenuto il blocco commerciale sostenendo che era stato progettato per impedire all’Iran di fornire armi e munizioni all’alleanza di Saleh-Houti, ma come suo impatto primario sta impedendo l’importazione di alimenti e combustibili, che i popoli dello Yemen hanno bisogno per sopravvivere. A causa dell’incremento della popolazione, del cambiamento climatico e di altri fattori, lo Yemen dipende dalle importazioni per la stragrande maggioranza dei carburanti e degli alimenti di base: 90% del grano e il 100% del riso, del tè e dello zucchero provengono da fonti esterne.

Il blocco di Hodeida ha l’effetto di far morire di fame le persone che vivono nelle regioni controllate da Saleh-Houti con la speranza che si sollevino contro di loro. Tenuto conto di quanto non abbia successo questa politica, ci si chiede se i suoi autori vogliano semplicemente che la gente muoia di fame. Anche se geograficamente costituisce non più del 30% della superficie totale del paese, queste aree hanno la più alta densità di popolazione, detenendo il 60% o più della popolazione.

Il blocco materiale completa il blocco finanziario che ha impedito agli importatori commerciali di ottenere lettere di credito per acquistare forniture sul mercato mondiale. Nel febbraio 2017, le importazioni di cibo sono diminuite notevolmente in tutti i porti. L’ONU prevede che gli approvvigionamenti alimentari saranno probabilmente esauriti entro dieci settimane, lasciando la gente dello Yemen dipendente dalle forniture contrabbandate dall’Arabia Saudita e altrove – al maggior profitto dei contrabbandieri e alla peggiore fame della popolazione.

Mentre i leader delle fazioni stanno facendo profitti dal contrabbando, dal commercio delle armi, dalla “tassazione” e da altri mezzi, la stragrande maggioranza della popolazione non ha ora alcuna fonte di reddito e si trova ad affrontare disperate prospettive: dai diciassette milioni di persone affamate, sette milioni sono vicini alla fame.

Le migliaia di ragazzi reclutati nelle cosiddette forze di sicurezza si uniscono a loro per garantire le necessità di base per le loro famiglie. I loro leader possono essere Islahis, Salafis, Huthi,  sostenitori di Saleh, o di Al Qaeda; la maggior parte dei soldati vuole solo prestare attenzione alle loro famiglie. Lottano e sono uccisi in questa guerra inutile per evitare di morire di fame.

Per la maggior parte delle persone, i sogni del 2011 sono stati ridotti ad una sola speranza: che la guerra finisca e possano tornare a una vita normale di lotta contro la povertà e la privazione. Alcuni ancora immaginano un futuro più equo. Le fazioni che conducono la guerra stanno combattendo per i propri obiettivi personali. Nessuno di loro si occupa del benessere della popolazione, introducendo una vera e propria democrazia o transizione verso un’economia più equa.

Tratto da: www.jacobinmag.com

Potrebbe piacerti anche Altri di autore