PERCHE’ E’ DANNATAMENTE DIFFICILE….

Antispecismo. Brit Schulte è una militante dell’Organizzazione internazionale socialista (ISO) e di Furie (Rivolta Femminista per resistere alla disuguaglianza e allo sfruttamento) oltre ad essere stata redattrice della rivista Red Wedge. Tra le altre cose, secondo la sua nota biografica sul sito Web della pubblicazione marxista di arte e cultura, “ha contribuito a coordinare la marcia regionale e statale per Choice in Texas ed è stato anche una organizzatrice on-the-ground di Atlanta durante la lotta per salvare Troy Davis con la Campagna per porre fine alla pena di morte “.  Schulte  ha concesso un’intervista al sito web “Specie e classe” in cui ha discusso le sue posizioni sulla politica di specie.

Specie e classe: come descriveresti la tua politica economica? Sei una socialista? Ti consideri una marxista, anarchica, una socialdemocratica o qualcos’altro?

Schulte Brit: mi considero molte cose, ma mi identifico più spesso come una femminista marxista e socialista rivoluzionaria. Credo che un mondo senza sfruttamento e oppressione sia possibile, dove le risorse possano soddisfare le necessità degli animali umani e non umani in modo sostenibile, dove le persone si possano organizzare in libera associazione.

SC: Puoi descrivere quali rapporti, se del caso, hai avuto con socialisti o anarchici di sinistra? Come sono state accolte le tue posizioni  per quanto riguarda gli animali dai socialista o dagli anarchici di sinistra?

BS: io sono attualmente una militante della Organizzazione internazionale socialista e di FURIE (Rivolta femminista  per resistere alla disuguaglianza e allo sfruttamento). Devo dire che tutto dipende da con chi ho avuto occasione di parlare. Ho incontrato persone appartenenti a tutte le bande di sinistra che hanno altrettanti varie risposte rispetto la lotta per l’emancipazione degli animali o la “questione vegan”. Tuttavia trovo più gente solidale alla causa antispecista nella comunità anarchica. Sembra che ci sia una comprensione maggiore, comunicata tramite le espressioni culturali della scena anarchica, della connessione tra la lotta anti-razzista, anti-sessista e anti-specista. Che non vuol per dire che i miei compagni identificabili come socialisti e comunisti non stiano facendo queste connessioni, ma parlando culturalmente e a livello di programma non vedo fatte espressamente queste connessioni.

D’altra parte, ho anche incontrato ostilità e umorismo grezzo da parte di compagni e alleati simili specificamente intorno a questioni che essi percepiscono come semplici scelte di stile di vita: vegetarismo, veganismo, ecc.

SC: La vostra organizzazione ha una posizione ufficiale rispetto lo sfruttamento degli animali di qualsiasi tipo? In caso contrario, questo è una cosa che ti piacerebbe cambiare? Se è così, come potresti farlo? 

BS: Non c’è nessuna posizione ufficiale sullo sfruttamento animale, ma l’analisi e l’impegno Ecosocialista includono una condanna della “Grande Agra” e una ferma posizione contro il degrado ambientale che ha portato in tutto il mondo il sistema capitalista — a cui il vasto consumo e lo sfruttamento degli animali per il profitto è innegabilmente legata.

Preferirei che venisse presa una più chiara posizione e che l’anti-specismo venisse incluso in modo  più diretto. Questo potrà accadere solo conquistando persone a questa posizione all’interno dell’organizzazione. Si sta andando ad aprire una discussione libera ed aperta su come includere questa lotta al fianco delle altre lotte per un mondo migliore. Prenderemo le migliori analisi e ulteriori  esplorazione teoriche – e applicazioni pratiche. Ci sono molti di noi all’interno dell’organizzazione che credono in questo lavoro e sono disposti a prendersi il compito paziente (anche frustrante) di far diventare la tematica dell’emancipazione degli animali all’ordine del giorno.

SC: C’è un modo in cui lo specismo viene utilizzato per un ulteriore sfruttamento di classe degli umani? In caso affermativo, come? 

BC: mi sento di raccomandare The Jungle di Upton Sinclair…

Lo sfruttamento animale è assolutamente collegato allo sfruttamento dell’operaio. Le condizioni che i lavoratori sono costretti ad operare negli allevamenti intensivi sono inadatti ed insostenibili. I rischi gravi per la salute e i pericoli che devono affrontare questi operai non si limitano solo agli incontri con animali tormentati e brutalizzati. Dobbiamo considerare gli incidenti industriali — l’attrezzatura dis-flettenti, i pesticidi, la materia fecale in cui i lavoratori sguazzano, la lista può ancora andare avanti e può essere più raccapricciante. Si dovrebbe anche ricordare che questi posti di lavoro, per la maggior parte, sono occupati da gente di colore. Questi lavoratori sono spesso lavoratori migranti e sopportano infiniti abusi a causa del loro status di cittadino.

Lavoratori agricoli sistematicamente hanno avuto i loro Sindacati esclusi e  soffrono sproporzionatamente di malattie che sono collegate all’esposizione chimica e a forme di PTSD (disturbo da stress) che deriva dal lavorare in queste condizioni disgustose e violente. Poi ci sono i cibi geneticamente modificati pieni di ormoni che questi lavoratori utilizzano per sfamare le loro famiglie a causa del loro basso costo. I poveri hanno sempre mangiato peggio, e gli operai con bassi  stipendi di oggi non fanno eccezione. Gli alimenti sono prodotti regolarmente sbiancati, o tagliati con prodotti di riempimento. Il cibo più economico è il peggiore per noi, la maggior parte della carne a basso costo ha l’ormone della crescita pompato per accelerare lo sviluppo dei bovini/suini/pollame più giovani. Quindi, se il lavoro stesso non ti uccide, sarà il cibo che lo farà.

La “Grande Agra” non si occupa del benessere del lavoratore o di eco-sostenibilità.

Essi si occupano esclusivamente di crescita ed espansione con profitto. Questo ricerca costante di profitto si traduce in condizioni disumane, miserabile che gli animali e i lavoratori devono affrontare. I lavoratori non sono addestrati a utilizzare metodi umanitari al macello; sono addestrati a produrre carne e carcassa con una velocità a rotta di collo. La maggior parte dei sottoprodotti sono rifiuti scaricati (conseguenza di un grande processo di inquinamento mondiale) o possono essere trovati in altri discutibili “prodotti di carne mista” presso i grandi punti vendita alimentari. Non era troppo tempo fa le persone erano mobilitate contro ALDI che mescolava la carne di cavallo con prodotti di carne di manzo. Si tratta di una pratica tipica per uniformare e tagliare i costi.

È innegabile che questi posti di lavoro, che si concentrano in particolare sulla tortura e la macellazione di altri esseri senzienti, influenzano la psiche del lavoratore. Lo stress e il lavoro brutale richiedono un tributo sia mentale che fisico. Nessun animale, umano o altro, dovrebbe vivere, lavorare e morire in quelle condizioni.

SC: Come rispondere alla considerazione che il veganismo personale è una soluzione individualista di un problema sistemico? O che insistendo sul veganismo personale, come una linea di base per l’attivismo degli animali, è l’equivalente di dire che chi guida una macchina non si poppone alle economie dei combustibili fossili, o che chiunque indossi Nike non si oppone alle maquiladoras (laboratori clandestini)

BS: Penso che tutti coloro che sono partecipi e attivi nella lotta per un mondo migliore dovrebbe avere un’analisi sistemica critica. La decisione di una persona di diventare un vegano o vegetariano non sta per rovesciare il capitalismo killer-ambientale. Gli sforzi tuttavia coordinati, le campagne di boicottaggio, e altre iniziative collettive sono azioni strategiche che possono avere un impatto. Mentre una scelta individuale è solo quella, specifica, una risposta collettiva creativa può aiutare ad attivare coloro che non potrebbe fare la stessa scelta per conto proprio. Ci vuole tempo per la gente a disimparare le norme sociali – come mangiare carne. Questo è comprensibile. Anche chi mangia carne può pensare di organizzare la resistenza al capitalismo, tuttavia penso che sia il momento di iniziare a spostare il dibattito intorno all’emancipazione animale  per includere diverse strategia e tattiche per convincere la gente di eliminare la carne dalla loro dieta e prendere posizione in tal senso.

Ovviamente non c’è nessuna possibilità di “andare fuori dalla griglia” sotto il capitalismo. Così noi ci vestiamo, ci nutriamo e utilizziamo i trasporti come è possibile e nessuno si esprime contro ognuna di queste ingiustizie che dovrebbero dispiacere  a causa di che cosa si sta mangiando, vestendo, o per la modalità di trasporto. Mentre queste azioni possono sembrare ipocrite, non sappiamo da dove provengono, quindi è sempre meglio entrare in un dialogo invece scontrarsi quando si parla di prospettive politiche. Qualcuno che si è appena radicalizzando può essere ignaro dell’ultimo crimine commesso da un rivenditore di abbigliamento, ecc. La gente dovrebbero essere benvenuta nei comitati attivi nei progetti e nei dibattito e le conversazione  dovrebbe essere pazienti quando sorgono problemi.

SC: È possibile un capitalismo vegano? Perché o perché no?

BS: La mia risposta breve è no.

Considerando la “grande Agra”, l’industria della carne, i lobbisti delle società di pesca di gamberi caccia alla balena/pesca (leggere come gli oceani disastrosamente fated) — queste grandi aziende sono istituzioni americane. Si dipingono come imprese familiari, impegnate a fornire “prodotti di qualità” a prezzi accessibili. La maggior parte di loro sono anche collegata alle campagne “green-washing campaigns”! Per tutto il tempo, essi contribuiscono all’orgogliosa identità di mangiatori di carne che così tanti americani assumono.

(Basta guardare a tutta la maledetta pancetta commercializzata là fuori. O meglio ancora, menziona da qualche parte in pubblico che sei un vegano o vegetariano e ascolta tutti gli altri spiegare perché non sono in grado di vivere senza formaggio o pancetta. O pancetta formaggio hamburger. Questo proprio di recente è accaduto a me nel mio posto di lavoro — di nuovo.)

Le loro strategie di marketing e vendite contribuiscono al condizionamento sociale che dà origine al consumo di carne, mentre le loro società di lobbying riempiono le tasche dei “rappresentanti” governativi affinché la “grande Agra” e l’agenda carne viene spinto e protetto positivamente. Gli hamburger potrebbero essere a buon mercato, ma le sue origini insostenibili e non controllabili sono scadenti, per questo le persone che lavorano e gli animali pagando con le nostre vite.

Il capitalismo ha bisogno dell’oppressione e della sottomissione del mondo naturale per propagare se stesso. È così semplice come sembra.

SC: Jason Hribal ha sostenuto che gli animali dovrebbero essere considerati parte del proletariato. Bob Torres ha sostenuto che tale definizione oscura la differenza del potenziale rivoluzionario tra operai umani e animale  e che gli animali sono in realtà merci viventi super sfruttati. Come ti collochi in questo dibattito?

BS: devo parteggiare per Torres su questo, anche se trovo che manca un sacco erudizione da questo dibattito. Gli animali non fanno parte del proletariato; non sono in grado di una auto-attività verso fini rivoluzionari – si noterà che uso la frase emancipazione animale altrove in questa intervista. Sono in schiavitù, e i loro habitat naturali sono stati distrutti. Abbiamo bisogno di avviare un processo di liberazione degli animali dalle condizioni insostenibili, legate al profitto sotto, cui sono obbligati a vivere e morire.

SC: Il socialista britannico Richard Seymour ha detto che il rapporto tra animali ed esseri umani nel marxismo è sotto teorizzato. Sei d’accordo? Se sì, quali aree sono particolarmente carenti?

BS: Assolutamente. Penso che abbiamo bisogno per affrontare al meglio la questione delle “materie prime viventi.” C’è una vera e propria urgenza nel collegare teoria rivoluzionaria all’applicazione pratica tutta la gamma di lotte.

SC: Ci sono pensieri o commenti che vorresti fare?

BS: Per quelli di sinistra che (senza dubbio) sono sulla difensiva circa il loro consumo di carne: non si tratta delle tue abitudini alimentari personali. E’ come la cosa importante e sempre sulla riformulazione del dibattito. Così un ampio movimento anticapitalista, si dovrebbe domandare sul diritto ad alimenti sostenibili e nutrienti. Dovremmo chiedere la fine degli alimenti geneticamente modificati, o con ormone iniettati. Tutti gli alimenti devono essere sicuri da consumare, e non avere un impatto negativo sull’ambiente. Tutti dovrebbero avere accesso al meglio che il nostro mondo naturale ha da offrire, senza compromettere gli ecosistemi. Dobbiamo difendere un mondo in cui tutti gli esseri senzienti possano vivere una vita sana, e prosperare. L’attività mentale e fisica, tutto ciò che siamo in grado di fare come animali umani, tutto dipende dal tipo di alimentazione che abbiamo. E’ arrivato il tempo per affrontare queste lotte.

Perché è così dannatamente controverso dire che le nostre abitudini alimentari non devono essere crudeli?

Potrebbe piacerti anche Altri di autore